Home Cavalli Come accarezzare un cavallo e conquistare la sua fiducia

Come accarezzare un cavallo e conquistare la sua fiducia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:14
CONDIVIDI

Accarezzare un cavallo: come approcciarsi e creare un legame

come accarezzare il cavallo

Il contatto con il cavallo è importante per stabilire un legame con l’animale che si fonda sul rispetto e l’amicizia reciproca. Trattandosi di una preda naturale, il cavallo è per istinto schivo, timoroso e pauroso è sempre in allerta, pronto alla fuga per scappare via dai predatori. E’ fondamentale conoscere la sua natura per capire il suo carattere, i comportamenti, le sue reazioni per relazionarsi al meglio con l’animale.

Approcciarsi al cavallo

approccio cavallo

L’approccio al cavallo deve tenere conto del carattere schivo dell’animale. Con gli equini non bisogna mai agire in modo improvvisato, con movimenti bruschi o repentini che potrebbero disorientarlo e spaventarlo.

Prima di entrare in un contatto vero e proprio con l’animale bisogna conoscere il modo in cui ci si avvicina a lui.

Fare amicizia significa conquistare la sua fiducia:

  • Mai forzare il cavallo, lasciare che sia lui ad avvicinarsi
  • abituare il cavallo alla tua presenza
  • passare del tempo con il cavallo, quotidianamente e pazientemente fino a quando non sia lui a dare segnali positivi di “benvenuto”
  • parlare al cavallo con un tono di voce leggera e dolce
  • evitare movimenti bruschi e frontali
  • se il cavallo si sposta o indietreggia non forzarlo e lascialo andare
  • è possibile conquistare il cavallo con un premio. I cavalli sono molto golosi e una mela, una carota o una zolla di zucchero sapranno ammorbidirlo
  • I cavalli si salutano annusandosi il muso e soffiando con le narici. Toccare il muso del cavallo è un gesto intimo ed è preferibile farlo solo quando c’è confidenza con l’animale.  E’ preferibile soffiare nelle narici del cavallo in maniera che riconosca il tuo odore

Come accarezzare il cavallo

accarezzare cavallo

Prima di accarezzare il cavallo è importante aver stabilito un approccio. Avvicinarsi calmamente con una voce dolce, porgendo il dorso della mano- Mostrarsi sorridenti e sereni, in quanto il cavallo percepisce gli stati d’animo della persona.

 Dove accarezzare il cavallo

Ci sono alcune parti dove è preferibile iniziare ad accarezzare il cavallo per rassicurarlo. La carezza deve essere sempre delicata mai brusca o violenta. Un colpo forte può spaventarlo.

  • grattare sul collo se siete in posizione frontale
  • accarezzare la groppa, in posizione laterale e il garrese nella parte alla base della criniera, fra le scapole
  • un punto sensibile del cavallo è la fronte, in mezzo agli occhi. E’ considerato un punto d’imprinting.

Nello specifico il cavallo non ha punti che predilige come i cani o i gatti. Il tocco e la carezza su tutto il corpo sono importanti anche per la desensibilizzazione.

Massaggi al cavallo

E’ possibile approfondire la carezza con i massaggi. Un metodo per far rilassare l’animale e conquistare maggiormente la sua fiducia. Procedere delicatamente, facendo attenzione alle reazioni dell’animale.

Per il massaggio, legare il cavallo ma senza che sia troppo corto e abbia modo di muovere la testa per rilassarsi.

  • passare la mano lungo il corpo controllando le reazioni su determinate aree: iniziare da sotto le orecchie, scendendo sul collo e proseguendo lungo la spina dorsale.
  • palpeggiare la spina dorsale con tre tipi di pressione, leggera, media e forte. Effettuare tre passaggi partendo sempre da sotto le orecchie. In questo modo è possibile individuare le aree dolenti del cavallo. Nella parte dei reni, effettuare sempre una pressione delicata.
  • lavorare sui muscoli, la tecnica è la compressione
    Massaggio muscolare sulla testa e collo del cavallo: partire da una frizione digitale del muso ed effettuare con i polpastrelli delle dita dei movimenti circolari con una pressione media. Proseguire sulle guance del cavallo dove si concentra la tensione dell’animale. Scendere sul collo fino alla spalla del cavallo.
    Massaggio sugli arti: mani a ventaglio attorno all’arto effettuando pressione con i pollici
    Massaggio sul corpo: tecnica della frizione sulla schiena del cavallo senza toccare la spina dorsale. Controllare le reazioni del cavallo e insistere sempre con una pressione media nei punti dove reagisce
    Massaggio posteriori del cavallo: usare il tallone della mano per una pressione maggiore, per poi fare una rotazione con la mano per eseguire una frizione. La compressione non va mai effettuata sulle ossa degli arti. Frizionare le area del tendine del garretto
    infine è possibile massaggiare la coda con le stesse tecniche elencate

N.B. Ricordatevi che se il cavallo ha dolori persistenti è preferibile rivolgersi a uno specialista.

C.D.

Amoreaquattrozampeè stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizieSEGUICI QUI