Home News Aggredito da un rapace, tanta paura per Phoebe!

Aggredito da un rapace, tanta paura per Phoebe!

CONDIVIDI
Phoebe

Un proprietario di cani nel New Jersey ha quasi perso il suo prezioso animale domestico. Il cane è scampato a un attacco quasi mortale, da parte di un falco. Come ha riferito Dana Tyler inviata della CBS2, Chris Gooch non lascerà il suo bulldog, Phoebe, fuori dalla sua vista per molto tempo dopo quello che è successo all’inizio di questa settimana. Phoebe è una femmina e ha rischiato molto. “È fortunata ad essere viva”, ha detto l’inviata.

Gooch dice che Phoebe era nel loro cortile di casa martedì scorso, quando un falco piombò giù e cercò di rapire il cane di 4 anni. Ha spiegato: “Ero dentro, e lei è entrata attraverso la porta ansimante, sanguinante e si è avvicinata a me. Il falco non riuscì a sollevare Phoebe, perché era troppo pesante, ma invece la trascinò attraverso il vialetto, ferendola gravemente, e poi volò via. Gooch ha indicato le ferite della sua cagnetta: “Questo taglio qui è apparentemente a un centimetro dalla sua arteria femorale. E se fosse successo, probabilmente sarebbe morta”.

Il veterinario locale, il dott. Greg Heins, ha affermato che ciò accade più spesso nella stagione invernale, perché ci sono meno foglie sugli alberi, dando ai falchi e altri uccelli migliori punti di osservazione. “L’uccello rapace è lassù a guardare, e vede qualcosa di piccolo, e forse lo scambiano per un coniglio o uno scoiattolo, ed è lì fermo, e loro piombano giù”, ha detto. “È l’istinto”, ha quindi aggiunto. Egli avverte tutti i proprietari di piccoli cani di non lasciare mai i loro animali da soli da soli in questo periodo dell’anno. Per fortuna, Phoebe è un cane forte e la caverà.

Aggredito da un rapace: un precedente recente

C’è un precedente recente: un cagnolino di nome Zoey, un bichon di tre chili e mezzo, era scomparso, rapito da un rapace affamato. L’episodio era avvenuto a circa quindici metri da casa di sua sorella sulle rive del fiume Lehigh in Pennsylvania. “E’ stato documentato altre volte, ma non così spesso”, ha detto Laurie Goodrich, una biologa del vicino Hawk Mountain Sanctuary, una riserva che annualmente registra decine di migliaia di falchi migratori, aquile e falchi. Con la scarsità di cibo e i corsi d’acqua che si congelano, i rapaci stanno “guardando un po’ oltre e approfittando di tutto ciò che potrebbe essere là fuori”. Questo quanto spiega la biologa.

GM