Home News Allarme WWF, la terra si esaurirà in pochi anni, la civiltà è...

Allarme WWF, la terra si esaurirà in pochi anni, la civiltà è causa del massacro

CONDIVIDI

Emergenza civiltàL’umanità ha eliminato il 60% degli animali in 40 anni, la conferma arriva da questo rapporto sconcertante condotto da 59 scienziati per il WWF.

Le devastazioni della civiltà sono state identificate dai maggiori scienziati del mondo. L’umanità ha sterminato il 60% di mammiferi, uccelli, pesci e rettili dal 1970. La comunità scientifica è preoccupata per l’annientamento della fauna selvatica al punto di parlare di “uno stato di emergenza dovuto alla civiltà”. Questa nuova stima del massacro della fauna selvatica è stata presentata attraverso un importante rapporto prodotto dal WWF. 59 scienziati di tutto il mondo si sono riuniti per produrre questo rapporto che mostra come il crescente consumo di cibo e risorse della popolazione mondiale sta distruggendo la vita.

È probabile che questa Terra multi-miliardaria finisca in meno di cento anni a causa della società umana, che alla fine dipende dall’aria pulita, dall’acqua e così via.

L’osservazione fatta dal WWF

“Giochiamo  a fare i funamboli su una scogliera”, ha detto Mike Barrett, direttore esecutivo della scienza e della conservazione del WWF. “Se ci fosse un calo del 60% nella popolazione umana, sarebbe come svuotare il Nord America, il Sud America, l’Africa, l’Europa, la Cina e l’Oceania”. ha dichiarato. “In realtà, mette a repentaglio il nostro futuro. La natura non è una proprietà, è il nostro sistema di supporto per la vita. “.

Il professor Johan Rockström ricorda che “stiamo esaurendo il tempo”. Mentre l’esperto mondiale in materia di sviluppo sostenibile (Istituto di ricerca sugli impatti dei cambiamenti climatici di Potsdam – Germania) afferma: “Solo tenendo conto sia degli ecosistemi che del clima saremo in grado di preservare un pianeta stabile per il futuro dell’umanità sulla Terra.”

Molti scienziati credono che il mondo abbia iniziato una estinzione di massa. L’umanità ha distrutto l‘83% di tutti i mammiferi e metà delle piante sin dall’alba della civiltà. Anche se cessassimo la distruzione ora, ci vorrebbero da 5 a 7 milioni di anni perché il mondo naturale si riprenda da solo.

Le cause di questo massacro

Il rapporto utilizza i dati di 16.704 popolazioni di animali (circa 4.000 specie) per monitorare il declino della fauna selvatica. Tra il 1970 e il 2014, le popolazioni sono diminuite in media del 60%. Quattro anni fa, il calo era del 52%. “La fauna selvatica e gli ecosistemi sono essenziali per la vita umana”, ha affermato il professor Bob Watson, presidente di un gruppo intergovernativo sulla biodiversità. “La natura contribuisce al benessere umano attraverso la produzione essenziale di cibo, acqua potabile ed energia, e regolando il clima, l’inquinamento, l’impollinazione e le inondazioni della Terra”, ha dichiarato. “Le attività umane distruggono la natura a un ritmo inaccettabile, minacciando il benessere delle generazioni presenti e future”.

La fauna selvatica è stata distrutta per far posto ai terreni agricoli (circa tre quarti di tutti i terreni del pianeta). La seconda causa (300 specie di mammiferi in via di estinzione) è la distruzione del cibo naturale mentre gli oceani sono massicciamente sovrasfruttati, il 50% di essi industrialmente. L’inquinamento chimico è importante: metà delle orche del mondo sono condannate a morire per contaminazione da PCB. Queste sostanze chimiche clorurate hanno fatto notizia nel 2007 dopo la contaminazione dei fiumi. Il commercio globale porta anche specie e malattie invasive.

Le scissioni geografiche

La regione più colpita è l‘America centrale e meridionale. Ha registrato un calo dell’89% nella popolazione di vertebrati, principalmente a causa dell’abbattimento della foresta pluviale, una superficie delle dimensioni di 200 campi da calcio viene distrutta ogni due mesi. “Questo è il risultato del nostro consumo, perché la deforestazione è causata da un’agricoltura massiccia che produce soia da esportazione come in Europa per nutrire suini e polli”, dice Barrett. Fiumi e laghi, dove le popolazioni selvatiche sono diminuite dell’83%, sono colpite dalle dighe e dalla grande sete di agricoltura. Barrett ha dichiarato: “Mangiare meno carne è una parte essenziale delle perdite in retromarcia. “. Ricorda che rappresentiamo solo lo 0,01% della vita ma abbiamo fatto più danni di tutte le altre specie insieme. L’indice del pianeta vivente è stato accusato di aver sovrastimato le perdite di fauna selvatica. Ma tutti gli indicatori mostrano enormi perdite.

Gli sforzi di conservazione possono funzionare come per le tigri in India o per i panda giganti in Cina e le lontre nel Regno Unito. Tuttavia, Marco Lambertini, direttore generale del WWF International, ha affermato che il problema fondamentale è il consumo: “Non possiamo più ignorare l’impatto degli attuali modelli di produzione e degli stili di vita inutili”.

La Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica nel 2020 deve assumere nuovi impegni per la protezione della natura. “È necessario un nuovo accordo globale per la natura e le persone. Abbiamo questa finestra stretta di meno di due anni per ottenerlo “, ha detto Barrett. “Questa è la nostra ultima possibilità. Dobbiamo farlo bene questa volta”. Tanya Steele, Chief Executive Officer del WWF, ha dichiarato: “Siamo la prima generazione a sapere che stiamo distruggendo il nostro pianeta e l’ultimo a essere in grado di risolverlo. ”

Ti potrebbe interessare anche—->>>Inquinamento ambientale, troppi palloncini stanno decimando pesci ed uccelli

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI