Home News Angeli dei 4 Zampe Angeli dei 4 zampe. La giovane musulmana sfide la sua religione per...

Angeli dei 4 zampe. La giovane musulmana sfide la sua religione per aiutare i 4 zampe

CONDIVIDI
amir
@Facebook

Dai suoi 15 anni, una giovane ragazza di nome Desy Marlina Amin, residente a Lombok in Indonesia ha dedicato la sua vita ai randagi bisognosi, grazie anche ad una pagina Facebook con la quale dirama annunci e raccolte fondi.

La giovane è sostenuta da numerose persone, ma c’è chi critica aspramente il suo impegno, essendo di fede musulmana.

Infatti, come avevamo evidenziato in un precedente articolo in merito al divieto in Arabia Saudita di scattare selfie con gli animali, nella religione dell’Islam, il cane e altri animali sono considerati “impuri”.

Per Amin invece  si tratta di un atto di fede e d’amore nel rispetto del creato di Dio. Ma la sua violazione delle legge coranica è ritenuta per alcuni un’offesa, tanto che la stessa Amin ha avuto pesanti minacce.

“Ho ricevuto molti messaggi minatori nella mia mail. Alcune persone minacciano addirittura di uccidermi. Parlano male di me perché voglio aiutare gli animali”, ha dichiarato la giovane donna, spiegando che “non m’interessa quello che dicono queste persone. Non ho mai chiesto nulla alla gente che parla male di me. Non capisco perché come musulmani dobbiamo temere i cani. Se pensano che siano sporchi, lavassero loro stessi. Lavo sempre le mie mani prima di parlare con il mio Dio e poi vado al lavoro”.

A differenza di chi la critica, Amin è fermamente convinta che la sua opera sia in realtà un adempimento dell’amore di Dio. Ecco perché ogni mattina prima di iniziare il suo lavoro come tassista, prepara il cibo da distribuire ai cani e gatti randagi.

“So che Dio mi guarda. So che Dio mi ascolta. Mi conosce. Lui mi sorride vedendo come mi prendo cura degli animali che ha creato. Egli ha creato questo mondo non solo per gli esseri umani, ma per ogni creatura”, afferma la giovane, che investe il suo stipendio per occuparsi di una sessantina di animali.