Home News Angeli dei 4 Zampe Governo contro chi salva gli animali: attivista arrestata, cosa rischia

Governo contro chi salva gli animali: attivista arrestata, cosa rischia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:39
CONDIVIDI

Un’attivista per i diritti degli animali è stata arrestata e il governo ha ideato una legge per intimidire quelli che salvano gli animali: ecco chi sono.

attivista animali
Attivista per i diritti degli animali arrestata: cosa rischia (Foto Instagram)

Un’attivista vegana che è stata arrestata 22 volte in due anni continuerà a organizzare proteste, irrompere negli allevamenti intensivi e salvare animali.

L’ attivista per i diritti degli animali di Brisbane, in Australia, Leah Doellinger, che ha oltre 36.000 follower su Instagram, è stata trascinata in tribunale più di una dozzina di volte dal 2017.

Governo australiano contro attivista per gli animali e il suo gruppo: chi sono questi attivisti

Attivista per i diritti degli animali
Attivista per i diritti degli animali arrestata 22 volte: chi sono i membri del suo gruppo (Foto Instagram)

La Doellinger filma sé stessa mentre entra senza permesso negli allevamenti industriali in Australia ed è anche la fondatrice di “Meat The Victims”, un gruppo che pianifica trasgressioni di massa negli allevamenti di animali per filmare ciò che sta accadendo all’interno. “Porto le persone in queste fattorie per mostrare loro esattamente cosa sta succedendo in modo da poter ottenere un filmato e condividerlo con il pubblico”, ha detto a Yahoo News.

Recentemente ha incoraggiato su Instagram altri attivisti a non aver paura della pena detentiva dopo gli arresti di alcuni membri.  ‘Questo è ingiusto ma significa che stiamo avendo un impatto su queste industrie e sui loro soldi insanguinati. Non possono più tenere nascosti innocenti che implorano pietà” ha scritto.

La Doellinger è stata accusata di aver rubato sei maialini da un allevamento del Queensland a novembre dopo averne pubblicato la posizione sui social media.

L’arresto di questa attivista giunge dopo che il procuratore generale Christian Porter ha proposto nuove e severe sanzioni penali per gli attivisti “vigilanti” che utilizzano i social media per incitare alla violazione della legge con danni finanziari ai terreni agricoli.

La Porter si è impegnata per ottenere un periodo di reclusione fino a 12 mesi per un nuovo reato “specificamente progettato per proteggere gli agricoltori australiani” da “azioni di vigilanza”.

Potrebbero interessarti anche >>> 

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI