Home News Angeli dei 4 Zampe Militare Usa: “Ho salvato un cane in Afghanistan, voglio portarlo in Texas”

Militare Usa: “Ho salvato un cane in Afghanistan, voglio portarlo in Texas”

CONDIVIDI
militare usa cane
(Facebook)

Militare Usa salva un cane in Afghanistan e ora lancia un appello: “Voglio portarlo in Texas, dovete aiutarmi”.

Lo specialista dell’esercito americano Zachery McEntire ha incontrato il suo migliore amico in un luogo improbabile: in una fossa profonda 15 metri piena di materiale medico usato. McEntire ha recentemente salvato Mimi, un cucciolo randagio, da questa terrificante situazione, scendendo nella fossa per raccogliere il cagnolino, mentre era schierato in Afghanistan. Da quando ha portato il cucciolo al sicuro, McEntire ha stretto un legame con Mimi e ora i due sono inseparabili. Ogni momento libero di McEntire, Mimi è lì al suo fianco, si accuccia persino vicino allo specialista dell’esercito per fare un sonnellino.

Leggi anche –> “Avranno la pensione che meritano”: i cani soldato ‘condannati’ a morte adesso sono salvi!

Il racconto del soldato Usa

“So di aver salvato Mimì da quella fossa, ma in un certo senso mi sento come se mi avesse salvato”, ha detto McEntire in una nota. Il soldato ha proseguito: “Non posso immaginare di lasciarla qui. Stiamo insieme e significa molto per me poter portarla a casa in Texas con me”. Sfortunatamente, riportare Mimi negli Stati Uniti non è così semplice come fare un biglietto aereo al cane. Per essere ammessa nel paese, Mimi deve passare attraverso un processo complicato e costoso che richiede visite veterinarie, un periodo di quarantena, e molto altro.

Una raccolta fondi per il soldato e il suo cane

Nel complesso, il costo necessario per trasferire Mimi nella sua nuova casa in Texas è di circa cinquemila euro. Questa non è una somma che McEntire può facilmente pagare da solo. Per aiutare lo specialista dell’esercito, Paws of War, un’associazione senza scopo di lucro dedicata alla formazione di cani rifugio come animali di servizio per veterani, ha dato il via una raccolta fondi. Ha infatti collaborato con Nowzad Dogs, un gruppo che lavora con i soldati riuniti con gli amici pelosi che hanno adottato all’estero. Insieme stanno raccogliendo i soldi di cui McEntire ha bisogno per rendere Mimi suo animale domestico per sempre.

McEntire e i suoi sostenitori sperano di raccogliere i soldi per il viaggio di Mimi entro la fine di maggio, che è il National Military Appreciation Month, quindi potrà atterrare all’aeroporto John F. Kennedy di New York a giugno. Oltre a rendere la vita di McEntire sempre più luminosa, è importante per i gruppi portare Mimi negli Stati Uniti poiché il cucciolo verrebbe probabilmente trascurato o eutanizzato se dovesse restare in Afghanistan. “Siamo impegnati ad aiutare i nostri soldati in situazioni come questa, poiché sappiamo quanto significhi per loro”, ha detto Dori Scofield, co-fondatore di Paws of War – “Ma non possiamo farlo senza l’assistenza del pubblico. Questo è un ottimo modo per restituire a chi ci dà tanto”.

GM