Home News Angeli dei 4 Zampe Scappano dalla guerra pensando che non avrebbero più rivisto il loro cane

Scappano dalla guerra pensando che non avrebbero più rivisto il loro cane

CONDIVIDI
@screen shot youtube
@screen shot youtube

“Salvare un animale è come aiutare un bambino, un amico o un estraneo”, ha detto James Meyers, fondatore di Animal Aid Unlimited, in un’intervista a La Stampa in occasione della sua partecipazione a diversi incontri in Italia, tra i quali Torino Spiritualità.

Le immagini di questo video lo dimostrano perfettamente, soprattutto lo scodinzolio di questo dolce cagnolino di nome Fox che ha dovuto affrontare un lungo viaggio dalla Siria al Canada per essere ricongiunto alla sua famiglia, scappata dalla guerra.

Avevamo raccontato il dramma dei profughi che a causa della guerra civile sono scappati dalla Siria. Molti, come un giovane ragazzo di 17 anni, hanno percorso centinaia di chilometri a piedi, con il loro compagno a 4zampe che non hanno voluto abbandonare alle bombe. Sul posto, negli scenari di guerra, tra coloro che hanno avuto il coraggio di restare, c’è chi rischia ogni giorno la vita per salvare gli animali, vittime della guerra, rimasti soli, in balia di loro stessi. Le organizzazioni animaliste si occupano del recupero, delle cure ma anche di ricollocare gli esemplari abbandonati o lasciati dai loro padroni, con la speranza di rivederli un giorno. Come ad esempio, la storia di una famiglia approdata in Germania che aveva perso il suo bellissimo gatto bianco Dias, in un naufragio vicino alle coste della Grecia che dopo diversi mesi è riuscita a riabbracciarlo.

Tra le organizzazioni, vi è anche la SPCA International, fondata negli Stati Uniti nel 2006, che si batte per la sicurezza e il benessere degli animali e che nel 2007, ha lanciato un’importante iniziativa per le emergenze in paesi in difficoltà. Fox è stato recuperato dalle strade di Aleppo, trasferito in auto a Damasco e poi in Libano, per essere imbarcato su un volo alla volta del Canada con tappe a Beirut, Francoforte e Montreal,

Grazie a questa organizzazione, una famiglia siriana, di Aleppo, ha potuto riabbracciare il compagno a 4zampe. Il ricongiungimento è stato documentato da un video commovente, condiviso a fine settembre su youtube e che vi proponiamo, certi di condividere con tutti un momento di gioia, barlume di speranza in uno scenario drammatico che stanno vivendo da anni milioni di persone.

Un messaggio di umanità e di amore che ci dona questo tenero peloso tutto bianco la cui felicità nel rivedere i suoi amati padroni è incontenibile!