Home News Angeli dei 4 Zampe Viene abbandonato in autostrada ma due angeli fanno retromarcia e lo salvano

Viene abbandonato in autostrada ma due angeli fanno retromarcia e lo salvano

CONDIVIDI

E stato abbandonato in autostrada un povero cane di razza Setter due angeli lo vedono fanno retromarcia e lo salvano portandolo con loro.

Setter Inglese foto repertorio

Nonostante sia un reato abbandonare gli animali, in estete molti che credono che gli animali non siano esseri viventi ma semplici oggetti continuano ad abbandonarli in luoghi pericolosissimi come l’autostrada, mettendo in serio pericolo sia la vita di queste povere creature si a quelle di tutti gli automobilisti che percorrono queste strade.

L’abbandono di animale domestico è un reato serio
E’ un reato previsto all’articolo 727 codice penale: “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.

La storia di “Salvo” il setter inglese salvato dal ciglio di un’autostrada racconta la tipologia di persone che popola il mondo , quello di chi insensibilmente lo ha abbandonato e di chi nonostante si trovasse sull’autostrada ha fatto retromarcia e lo ha salvato.

Una donna di Viareggio di nome Anna insieme al suo compagno Fabio che si trovavano in vacanza in Sicilia ha salvato  il povero cane abbandonato e ha raccontato la sua storia come riportato dalla Nazione.it.

Autostrada foto repertorio

potrebbe interessarti anche—>Contro l;abbandono di animali dei calciatori bambini girano un video

Era un torrido sabato pomeriggio e viaggiavamo sull’autostrada verso Milazzo (Messina): Fabio guidava e io sonnecchiavo. Ad un certo punto lui ha urlato: c’è un cane vicino al guard rail…Era libero e poteva facilmente immettersi sulla corsia rischiando di essere investito e di provocare un incidente.”

“L’autostrada era trafficata ma siamo riusciti con molta cautela a tornare indietro lungo la corsia di emergenza e a trovare questa meraviglia terrorizzata! Fabio si è avvicinato e il cane si è lasciato prendere. A quel punto io ho detto: “Salvo!”. E quello è rimasto il suo nome.”

Al primo autogrill abbiamo contattato la polizia stradale. Sono stati molto gentili e solerti. Noi abbiano dissetato il cane, ha bevuto un litro e mezzo d’acqua in quindici minuti. Lo abbiamo rifocillato. Di lì a poco il servizio autostradale, allertato dalla polizia, ci ha raggiunto”.

“Si sono presentati per prenderlo e alla nostra domanda su dove lo avrebbero portato ci hanno risposto che l’unica possibilità era in un canile. Inoltre ci hanno confessato che la situazione era già in emergenza dall’inizio di giugno: circa 2000 cani abbandonati!”.

“Salvo era impaurito, disidratato, denutrito, ferito. Io e Fabio ci siamo guardati e senza un attimo di esitazione abbiamo detto: “Lo teniamo con noi, gli risparmiamo questo strazio”.

“Ma Fabio, primario di chirurgia, lavora da molti anni in Germania. Io vivo in Toscana e vado da lui una volta al mese… e Salvo?”.

“Le cose nella vita sono semplici sono gli esseri umani che le complicano. La zia di Fabio è sola in un grande appartamento sopra Catania.”

“Ci è venuta l’idea di lasciarlo alla zia Ileana a Catania, 89 anni di pura energia, e alle sue assistenti che le fanno compagnia e la accudiscono nel grande appartamento con ampi balconi che si affaccia sullo splendido mare siciliano!”

“Per farglielo accettare abbiamo inventato che Salvo sarebbe stato ucciso se non lo avessimo preso noi. La zia Ileana non ha esitato un attimo: Ah no, abbatterlo no, lo teniamo noi!!!!… Un’innocente bugia a fin di bene a volte è necessaria!”

“Il giorno successivo abbiamo portato Salvo in una clinica veterinaria. Il cane non stava bene, non riusciva ad alzarsi e ad usare e zampe posteriori. Probabilmente il cane, un setter inglese, è stato abbandonato da un cacciatore. Sono stati giorni difficili: Salvo era molto debole… dormiva e beveva solamente… Adesso finalmente comincia a stare meglio. Noi andremo a trovarlo a fine agosto.”

“Intanto la sua storia ha fatto “il giro del mondo”: sulla pagina facebook che abbiamo creato per lui postiamo foto e video e tutti gli aggiornamenti sul suo stato di salute: sono tantissime le persone che mettono mi piace e che commentano. Ci auguriamo che tutto questo serva a sensibilizzare contro l’abbandono“.

Il cane sta finalmente vivendo una vita serena e tutti si augurano che molti altri cani possano avere nella sfortuna, la fortuna di Salvo.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>Abbandono di cani: trovati in strada 18 cani tra i quali 14 cuccioli

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.