Home News Serpenti, iguane e pappagalli: le regole sugli animali esotici in casa

Serpenti, iguane e pappagalli: le regole sugli animali esotici in casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:44
CONDIVIDI

Animali esotici in casa, le regole da rispettare per custodire la loro salute e la loro vita. Accorgimenti e consigli da seguire

L'iguana curiosa (Foto Pixabay)
L’iguana curiosa (Foto Pixabay)

 

Gli animali fanno, ormai, parte della nostra vita quotidiana. La loro presenza è diventata così indispensabile nelle nostre giornate quotidiane da indurci a prendere anche quelli ritenuti più insoliti per un ambiente domestico. Stiamo parlando degli animali esotici. Ecco cosa ha stabilito la legge nei loro confronti.

Potrebbe interessarti anche: Animali esotici economici: 10 specie selvatiche più a portata di borsellino

Animali esotici in casa, cosa sapere e cosa fare per la loro salute 

Pappagallo "esibizionista" (Foto Pixabay)
Pappagallo “esibizionista” (Foto Pixabay)

In merito alle regole stabilite dalla legge, il gruppo italiano Civette  ha riferito quanto segue: “Secondo quanto affermato dalla legge, non è consentito tenere animali considerati specie protetta. Tuttavia, è possibile tenere in casa solo alcune categorie di serpenti, pesci tropicali, iguane, tartarughe e pappagalli, nonostante però la legge impedisca di tenerli in gabbia.” Inoltre, insieme a ciò è importante conoscere anche i consigli pratici  prima di prendere un animale esotico. Infatti, non è banale come potrebbe sembrare perché ogni animale è dotato di specifiche caratteristiche da tenere in considerazione.

Potrebbe interessarti anche: Torino, la moda degli animali esotici in casa è un danno per tutti

Ciascun animale ha le proprie necessità. Queste sono messe in relazione con la loro possibilità di movimento e zone che si configurano come il loro habitat naturale. Alcuni infatti devono rimanere in ambienti umidi, altri invece devono seguire una determinata alimentazione.” Dunque, sono tanti gli aspetti da prendere come punto di riferimento prima di acquistarne qualcuno. Difatti, l’altro punto da tenere in considerazione riguarda la sicurezza dell’animale, per ragioni legate al fatto di essere specie selvagge.

Il problema riguarda diversi versanti da valutare, per la salute dell’animale, compresa la nostra. Il primo elemento da tenere sotto controllo riguarda i denti e gli artigli che possono rivelarsi un problema per la delicatezza della nostra pelle. Poi, se in casa ci sono dei bambini occorre fare maggiore attenzione. In secondo luogo, non per importanza, si colloca l’attenzione che bisogna riservare all’estensione dello spazio disponibile nella nostra casa. Spesso, una mancata disponibilità di movimento può trasformarsi in una vera trappola mortale.

Un appello importante 

Serpente in primo piano (Foto Pixabay)
Serpente in primo piano (Foto Pixabay)

Al di là della possibilità presente o meno di tenerli con noi, è necessario prestare ascolto ai consigli dell’Enpa. Secondo l’associazione, bisogna evitare di acquistarli poiché si alimenta il loro sfruttamento commerciale. Molti esemplari sono condannati a morte certa durante la cattura e quelli sopravvissuti rimangono prigionieri di gabbie, recinti che ostacolano la loro crescita e il loro bisogno di movimento. Alcuni, nel corso del trasporto in un altro Paese, partendo da loro luogo d’origine, rischiano di morire e se riescono a salvarsi vanno in conflitto con la fauna selvatica locale che rischiano l’estinzione.

Un appello importante che si deve ascoltare e seguire. La salute e la vita stessa di tutti gli animali è preziosa. Per tale motivo, il nostro dovere è quello di preservarla, mettendola al riparo da qualsiasi rischio.

 

Benedicta Felice