Home News Animali sepolti con i padroni: il governo dice “no”

Animali sepolti con i padroni: il governo dice “no”

CONDIVIDI
Tomba di un cane

E’ scontro tra il Governo e le Regioni, dopo la bocciatura della legge regionale con la quale la Lombardia ha dato il via libera alla sepoltura degli animali d’affezione, dopo la loro cremazione, con i padroni. Il consiglio dei ministri ha infatti impugnato la legge promossa dal centrodestra, specificando che si tratta di una “normativa che è di facoltà dello Stato”.

Il Consiglio dei ministri (Cdm) in un comunicato ha sottolineando che la norma approvata dalla Regione Lombardia è “una facoltà assolutamente estranea alla normativa statale in materia”.

Leggi–> Via libera della Lombardia per sepoltura cani con i padroni

Il ministro agli Affari regionali Erika Stefani del Movimento Cinque Stelle ha ricordato che la norma è in contrasto “con un decreto del presidente della Repubblica del 1990 che stabilisce che nei cimiteri sono ricevuti, quando non venga richiesta altra destinazione, i cadaveri delle sole persone”.

La bocciatura del Cdm ha provocato uno scontro tra M5S e i partiti di destra come Lega e Forza Italia.

L’assessore regionale al Welfare (FI), Giulio Gallera si è detto “allibito”, criticando l’atteggiamento del governo che si contraddice nel parlare di autonomia delle regioni. “Noi risponderemo davanti alla Corte Costituzionale e vinceremo come è già accaduto sul ricorso degli specializzandi”. Ha assicurato l’assessore regionale.

Anche Emanuele Monti, presidente leghista della commissione regionale Sanità, ha definito “semplicistiche” le motivazioni del governo. I consiglieri pentastellati del consiglio regionale in Lombardia avevano votato contro la norma.

Sul tema è intervenuto anche il consigliere regionale Pd, Fabio Pizzul, in linea con il M5S, dichiarando che “l’ipotesi di seppellire gli animali lascia perplessi perché rischia di ledere la sacralità di luoghi riconosciuti da tutte le religioni”.

Una decisione che lascia perplessi e blocca in parte l’iniziative di altre regioni che come la Liguria stavano per approvare la norma per la sepoltura degli animali d’affezione nei cimiteri con i padroni.

Al di là del tema religioso, potrebbe anche trattarsi di lobby che hanno interessi economici nel settore dei servizi funerari legati agli animali, dalla cremazione alla gestione dei cimiteri per animali. Un settore in crescita che è stato probabilmente minacciato dalla norma approvata in Lombardia.

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.