Home News Animalisti Italiani Onlus, cibo ai randagi di Roma e delle zone terremotate

Animalisti Italiani Onlus, cibo ai randagi di Roma e delle zone terremotate

CONDIVIDI

Bellissima iniziativa quella organizzata in settimana da Animalisti Italiani Onlus, che nella sua sede romana di via Tommaso Inghirami 82 ha provveduto a consegnare dei “regali di Natale” destinati ad essere distribuiti per la città. Si tratta di cibo del valore complessivo di sedicimila euro, acquistato per i cani ed i gatti randagi dell’Urbe, e che verranno distribuiti capillarmente ad associazioni animaliste, canili, gattili ed altri movimenti di volontariato del genere.

A beneficiare di questo dono non sarà soltanto Roma ma anche le zone colpite dal terremoto in centro Italia, sia ad agosto che ad ottobre. Perché si vuole pensare al benessere di quegli animali che, esattamente come migliaia di persone, hanno perso tutto ed hanno smarrito la normalità.

E quindi le strutture animaliste beneficeranno di questa iniziativa fortemente voluta da Animalisti Italiani Onlus, che, per fare un esempio, è di stanza 24 ore su 24 ad Amatrice da ben quattro mesi, subito po il primo, terribile sisma che ha rovinato tutto.

Un primo investimento Animalisti Italiani Onlus lo ha fatto comprando cibo per animali del valore di 10mila euro: si tratta del carico consegnato due giorni fa. Il movimento ci tiene a precisare che anche le aziende produttrici di generi alimentari per cani e gatti alle quali si è rivolto il movimento hanno effettuato delle donazioni private. Si tratta in particolare di VitaKraft Italia e Trainer Novafoods.

E ci si augura che il 2017 possa cominciare nel segno della continuità in questo senso, con la volontà di salvaguardare i diritti ed il benessere di tanti cani e gatti che ne hanno bisogno.

Giusto per citare un altro significativo esempio, la presidente della Lega Nazionale Difesa del Cane ha adottato in settimana Gino, un cane di 14 anni affetto da tumore che nessuno aveva intenzione di portare a casa. Il quattrozampe proviene proprio dalle Marche, la regione più colpita dal terremoto verificatosi lo scorso 30 ottobre.