Home News Annunci animali, alle Canarie non si fitta “a chi ha cani e...

Annunci animali, alle Canarie non si fitta “a chi ha cani e gatti ed agli italiani”

CONDIVIDI
annunci animali
Annunci animali, “vietato a cani, gatti ed italiani”

Annunci animali, alle Canarie non si affitta casa agli stessi ed anche a noi italiani.

Capita spesso di leggere annunci animali generalmente sul web, che rappresenta la piattaforma più conveniente per velocità e possibilità di consultazione. Ebbene, in un avviso in cui viene messa in affitto una casa alle Isole Canarie, vengono posti però due paletti imprescindibili. Che hanno decisamente dell’incredibile. Il proprietario non affitta casa a chi ha con se degli animali al seguito. E nega qualsiasi contrattazione anche se siete di nazionalità italiana. L’abitazione in questione è molto bella. Moderna, accessoriata con ogni genere di comfort ed a disposizione dal prossimo mese di aprile.

È possibile prendere visione dell’annuncio sulla pagina Facebook ‘Fuerte-Bay’, che conta circa diecimila iscritti. Generalmente i post degli utenti riguardano proprio avvisi in cui si mettono a disposizione delle proprietà abitative da affittare. La dimora in questione sorge nella località di Lajares, molto vicino alla nota località turistica di Fuerteventura. A brevissime distanza sorgono anche le apprezzate e rinomate spiagge di Corralejo, Majanich ed El Cotillo. E caratteristiche del luogo sono le case bianche majorere.

annunci animali
Il controverso annuncio

Annunci animali, noi non siamo desiderati

L’annuncio recita nello specifico questo. “Fittasi una casa moderna, costruita tre anni fa. L’abitazione è dotata di due camere da letto, due bagni, una piscina, il giardino ed anche un parcheggio privato”. L’affittuario richiede il pagamento di 800 euro al mese più ulteriori 150 euro per il consumo di energia elettrica e di acqua corrente. Si esige anche il versamento di tre mensilità anticipate, con contratto di 3 anni. Ma poi il messaggio termina in maniera del tutto inaspettata. “Non prenderemo in considerazione persone che possiedono animali né individui di nazionalità italiana”. A dire il vero però di precedenti simili a danno dei nostri connazionali da quelle parti ce ne sono già stati in passato. La municipalità di La Oliva, sempre nei pressi di Fuerteventura, a marzo di un anno fa aveva affisso un cartello eloquente. “Fuera italianos, Fuori gli italiani” c’era scritto. La foto dello stesso è stata pubblicata su un altro gruppo Facebook, ‘Italiani a Tenerife’. Lo stesso era avvenuto anche a Las Galletas, con l’aggiunta del per nulla carino aggettivo “sporchi”.

A.P.