Home News Annunci regalo animali, cuccioli e cani: perché la rete è pericolosa

Annunci regalo animali, cuccioli e cani: perché la rete è pericolosa

CONDIVIDI

Quali pericoli si nascondono dietro gli annunci di cuccioli e cani in regalo

cuccioli in regalo
Cuccioli di cane

Cuccioli da regalare, cani in regalo. E’ piuttosto comune, cercare in rete un animale in regalo o da acquistare. Oppure, vice versa, si ricorre alla rete o ai gruppi social per pubblicare annunci per dare in regalo dei cuccioli o altri tipi di animali.

In molti paesi, come ad esempio in Belgio, sono stati vietati gli annunci di questo tipo, per contenere e limitare il fenomeno degli abbandoni. Così come in Francia, non è più possibile vendere un animale in rete, se non dopo aver presentato una documentazione specifica al ministero dell’Agricoltura.

La rete si rivela un territorio sconfinato, difficile da tenere sotto controllo e la vita di un animale non può essere di certo paragonata alla vendita di un oggetto o di un libro reperibili sulle piattaforme e-commerce.

Il tema è stato affrontato da un punto di vista etico per tutelare gli animali e il loro benessere.

Siti di scambio, di vendita di oggetti usati e piattaforme di vario tipo offrono rubriche dedicate agli animali nonché siti specializzati nel settore Pet. Tuttavia, non vi sono solo accessori e alimenti, ma veri e propri animali venduti, ceduti o barattati come oggetti. Che siano “usati” ovvero esemplari adulti, soprattutto di razza o con alcune attitudini come cani da caccia o da tartufo o da riproduzione con tanto di pedigree. Oppure cuccioli in vendita o in regalo, magari nati da cucciolate indesiderate. Cuccioli fatti nascere da privati e che i proprietari cercano di dare via.

In rete è facile trovare qualsiasi specie di animale in regalo o in vendita: cuccioli, cani di razza, cavalli, pecore, maialini, galline ecc. Ma i pericoli sono numerosi. Non si tratta semplicemente di rischi legati al commercio degli animali in rete, soprattutto per quanto riguarda il triste fenomeno del traffico di cuccioli provenienti da allevamenti lager.

Animali in regalo

Regalare cuccioli è un fenomeno comune. A dire il vero non c’è niente di male. Tuttavia, le modalità con le quali spesso si cerca di dare in adozione o in regalo un cucciolo o un altro animale, possono essere rischiose.

Infatti, quando vengono regalati dei cuccioli non sempre i vecchi proprietari riceveranno notizie sull’animale. Dalle condizioni in cui sono detenuti, alla cure e le attenzioni fornite all’animale. Molte persone, tanto più se si tratta di un animale gratis o dato in regalo, potrebbero sottovalutare l’impegno e il sacrificio e potranno liberarsi facilmente dell’animale. Portando il cane in campagna, lasciandolo da un parente, relegando il cane dietro un box privandolo degli affetti e delle cure necessarie, oppure semplicemente abbandonando il cane.

In altri casi, come emerso da una vicenda drammatica a Montopoli di Sabina, in provincia di Rieti, è possibile che il cane capiti in mani sbagliate. Infatti, esistono accumulatori compulsivi di animali oppure nel caso di cani di razza, c’è chi è pronto ad avviare allevamenti lager. Il risultato sarà quello dello sfruttamento dell’animale e della sua detenzione in condizioni di maltrattamento. Nella vicenda di Montopoli di Sabina, una donna è stata oggetto di ben 8 sequestri di cani. Era solita reperire in rete annunci di cani dati in regalo che prendeva per poi sfruttarli e ridurre i poveri animali in fin di vita.

Leggi–>
Montopoli in Sabina adotta i cani e li maltratta continua la casa degli orrori

Adottava cani abbandonati per poi rivenderli online

I cani in regalo diventano un commercio proficuo non solo per chi li alleva illegalmente ma anche per le filiere dei laboratori di sperimentazione sugli animali.

Come fare per dare in regalo un animale

Ci sono alcuni accorgimenti da valutare prima di dare un animale in regalo.

  • Verificare la serietà della persona che vuole il cane
  • Accertare l’idoneità delle condizioni in cui l’animale sarà tenuto in casa
  • Accertarsi se si tratta di una famiglia o di una persone singola e se il cane non sia solo un capriccio per i figli
  • Microchippare il cucciolo prima di darlo in regalo e assicurarsi che la persona faccia il cambio di proprietà alla ASl veterinaria
  • Oppure: assicurarsi che la persona microchippi il cane
  • Compilare un modulo (il fac simile sull’affidamento è reperibile anche in rete), in forma di scrittura privata per il passaggio del cane, munto di documenti d’identità dell’insettario del cane
  • Dopo l’affidamento del cane, chiedere informazioni sull’andamento del cane, magari con fotografie che recano anche la data

Cuccioli in regalo: le associazioni

In alternativa, è possibile rivolgersi ad un’associazione animalista. In ogni provincia o Comune vi sono sia delle sezioni di associazioni di rilievo nazionale (Enpa, Oipa, Lega del Cane) oppure associazioni locali, nate dalle iniziative di singoli cittadini e volontari amanti degli animali.
Attraverso queste associazioni è possibile dare in regalo i propri cuccioli o animali da compagnia o da redditto appartenenti a qualsiasi specie.

L’associazione è una garanzia ulteriore per il buon esito dell’affidamento. Provvede a fornire e alla compilazione di tutta la documentazione per il passaggio di proprietà e verificano se il cane sia stato microchippato e intestato dal nuovo proprietario.

Inoltre, alcune associazioni, prevedono i controlli pre affidamento e post affidamento, nonché il monitoraggio successivo dell’animale.

Leggi–>

>>Aiutare un cane, un gatto e altri animali: dal volontario ai gruppi facebook

>>Le pagine facebook dedicate alle adozioni di cani di razza. Non c’è bisogno di acquistarli

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.