Home News Ecco l’antenato di tutti gli animali: tutte le cose in comune con...

Ecco l’antenato di tutti gli animali: tutte le cose in comune con noi umani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25
CONDIVIDI

Gli studiosi affermano che l’Ikaria wariootia è l’antenato di tutti gli animali e degli umani: tutte le cose in comune con noi umani che hanno notato.

antenato tutti animali umani
Scoperto secondo gli studiosi l’antenato di tutti gli animali: tutte le cose che ha in comune con noi umani (foto dal web)

Potrebbe non sembrare ma i cacciatori di fossili dicono che questa, una creatura che è appena scoperta grande circa la metà di un chicco di riso, è un parente primitivo di molti animali.

Il team ha scoperto dei fossili nelle rocce nell‘entroterra del Sud Australia che si ritiene abbiano almeno 555 milioni di anni.

Scoperto l’animale antenato di tutti gli animali: tutte le cose straordinarie che ha in comune con noi umani

animale antenato tutti animali
Perché l’ikaria wariootia sarebbe l’animale antenato di tutti gli animali, compresi questi nostri comuni animali domestici (foto Istock)

I ricercatori affermano questa creatura minuscola, lunga tra 2 e 7 mm, è l’esempio più antico finora scoperto in un fossile di un organismo bilaterale, cioè di quegli animali con caratteristiche che includono una parte anteriore e una posteriore connesse da un tratto digerente e un piano di simmetria (che si traduce in una parte sinistra e una destra). Umani, maiali, ragni e farfalle sono tutti bilateriani, ma non lo sono creature come le meduse.

Il dott. Scott Evans, del Museo Nazionale di Storia Naturale Smithsonian e coautore della ricerca, ha dichiarato che essendo l’uomo bilaterale, per gli evoluzionisti noi potremmo derivare da questa creatura.

L’animale è stato chiamato Ikaria wariootia da “ikara”, termine indigeno che significa “luogo di incontro”, e Warioota Creek, il nome della catena montuosa dove è stato ritrovato.

Scrivendo negli Atti della National Academy of Sciences, Evans e i colleghi riportano la loro scoperta fatta nell’arenaria in siti tra cui Nilpena, ricca di fossili. Dicono che un’attenta analisi ha escluso la possibilità che i fossili si siano formati dall’azione di correnti o da tappeti microbici.

Il team non solo ha trovato delle tane, ma più di 100 fossili delle piccole creature stesse – essenzialmente impressioni dell’animale nella roccia – una scoperta insolita. Questo, dicono i ricercatori, è importante: si ritiene che gli organismi bilaterali si siano evoluti durante il periodo Ediacaran che si estendeva da 571 a 539 milioni di anni fa, tuttavia le prove precedenti per tali creature si sono ampiamente basate su tracce come le tane che hanno fatto.

Il team afferma che l’analisi delle tane suggerisce che l’Ikaria wariootia si sarebbe mossa nel suo ambiente sotto superficiali strati di sabbia, contraendo gruppi di muscoli come un lombrico. L’animale, che sembra avesse una bocca e un ano collegati da un apparato digerente, si nutriva di animali morti e altra materia organica – conclusioni tratte dagli attuali ritrovamenti insieme a prove di simili tane scoperte diversi anni prima all’interno dei fossili di altri animali.

“Possiamo vedere dalle tane che ha preso di mira cibo e ossigeno, il che ci dice che aveva la capacità di percepire le cose nel suo ambiente“, ha concluso Scott Evans.

Potrebbero interessarti anche:

T. F.