Home News Anziani e animali, come una cagnetta ha cambiato la vita a nonnino...

Anziani e animali, come una cagnetta ha cambiato la vita a nonnino di 104 anni

CONDIVIDI

Per la serie ‘anziani e cani’, ecco la bellissima storia del 104enne Milt e della cagnetta che lui ha adottato, Layla: sono inseparabili. “Il segreto della mia longevità? Proprio gli animali”, dice lui.

Lei si chiama Layla e lui è Milt. La loro storia è davvero singolare. Infatti Layla è una tenera e dolce cagnolina, mentre lui è un longevo anziano di ben 104 anni di età. Questo arzillo nonnino ha incontrato quella che nel frattempo è diventata la sua migliore amica e con la quale vive in casa sua, nei pressi di San Diego, in California, dopo un incrocio in un rifugio per cani. La volontà di Milt era proprio quella di trovare un animaletto domestico, anche per lenire la solitudine che purtroppo molte volte affligge le persone anziane. Ma da alcuni canili e strutture simili è giunto un vero e proprio diniego. In più di una circostanza, Milt si è sentito rispondere che non c’erano cani adatti alla sua età. E che addirittura sarebbe stato meglio se avesse accantonato qualsiasi velleità di accudire qualsivoglia animale.

Una ipotesi che il nostro forte nonnetto non ha affatto voluto prendere in considerazione. C’è da dire che Milt non è affatto uno sprovveduto. Nel corso della sua lunga esistenza ha avuto modo di dividere casa con altri cani di svariate altre taglie e razze. Lui sa bene quanto tutto diventi più bello con un cosino scodinzolante che gira per ogni stanza. “Gli animali sono il segreto della mia longevità”, ha detto lo stesso Milt. Che ha trovato conforto proprio in essi, dopo la dipartita della sua amata moglie.

Anziani e cani, gli animali migliorano le loro vite e non solo

Per fortuna a dargli aiuto c’è stata una associazione locale, la Lionel’s Legacy. Si tratta di una onlus che per l’appunto cerca di far incontrare anziani e cani. È lì che Milt ha potuto quindi fare la conoscenza di Layla, della quale dice: “L’amicizia con lei è speciale. Tutti e due proviamo a restare in buona salute. Ci stiamo felicemente riuscendo”. Milt ha lavorato per tutta la vita come psichiatra, ed ormai è in pensione da decenni. Ma quando esercitava la sua professione consigliava spesso di avvalersi della compagnia dei cani. E tutti i suoi pazienti ne hanno sempre giovato. La stessa strategia è stata adottata anche nel recupero di persone con problemi di dipendenza. Anche la loro vita è cambiata.

A.P.