Home News Aspetta il padrone davanti all’ingresso dell’ospedale: Champi, il cane che commuove la...

Aspetta il padrone davanti all’ingresso dell’ospedale: Champi, il cane che commuove la Spagna

CONDIVIDI
@Screen shot Twitter
@Screen shot Twitter

 

L’immagine del cane, il miglior amico dell’uomo, che aspetta davanti all’ospedale è uno dei topic che con molte probabilità commuove maggiormente gli animalisti, colpiti nel sentimento più profondo che lega indissolubilmente una persona al proprio animale.

Ci sono numerosi casi di 4zampe che hanno inseguito l’ambulanza o che per magia hanno ritrovato il luogo in cui il loro padrone era stato trasferito per un ricovero, fino a fatti di esemplari che seguono il feretro del padrone o entrano in chiesa per i funerali oppure restano immobile nel luogo in cui il padrone è deceduto, come recentemente accaduto in Cile .

Storie di fedeltà che vanno oltre ai sentimenti comuni come nel nuovo caso che si è verificato in Spagna dove un simpatico meticcio, incrociato con un pastore tedesco, di nome Champion, detto anche Champi, ha seguito l’anziano proprietario di 89 anni, ricoverato in Ospedale per un’infezione renale.

La vicenda si è svolta in questi giorni a Murcie, nel Sud della Spagna dove Champi ha conquistato non solo il personale dell’ospedale Reina Sofia e i passanti, ma anche gli internauti di tutto il mondo.

Il cane è rimasto per ben due giorni e due notti davanti all’ingresso dell’ospedale, aspettando il padrone. Purtroppo, a causa dell’interesse che ha suscitato Champi, provocando un’ondata di persone che si sono recate sul posto per vedere quello straordinario gesto d’amore, portando cibo e acqua all’animale, la polizia è intervenuta per chiedere al figlio dell’ospedalizzato, di portare il cane a casa.

Dai media locali, si apprende che già qualche mese prima, Champi aveva aspettato questa volta per quattro giorni il padrone davanti all’ingresso della struttura sanitaria. Questo bellissimo esemplare, diventato membro della famiglia a tutti gli effetti, era stato adottato due anni prima, dopo la morte della sua anziana proprietaria, una malata terminale, alla quale Champi serviva di terapia: “Come dire che la vocazione d’infermiere per Champi, risale a molto tempo addietro”, scrivono i giornali spagnoli.

 

Fatto sta, sui social si è levato lo sdegno degli utenti che chiedono che il cane sia rispettato nei suoi sentimenti e nel suo istinto. Alcuni si spingono ben oltre, evidenziando che la struttura ospedaliera dovrebbe dare l’opportunità al cane di andare nella stanza dell’amato padrone.

 

Champi, el perro ‘enfermero’ que ha revolucionado el hospital Reina Sofía de Murcia https://t.co/kLEqWGV7en pic.twitter.com/155CABxH98