Home News Angeli dei 4 Zampe Aspetta tre anni per rivederla e accarezzarla, sussurrandogli “ciao bambina”

Aspetta tre anni per rivederla e accarezzarla, sussurrandogli “ciao bambina”

CONDIVIDI

Ha passato due anni di servizio con lei al suo fianco, dal 2012 al 2014, in Corea del Sud e ha dovuto aspettare tre anni per poterla finalmente riabbracciare e averla per sempre con sé.
E’ la storia commuovente di un sergente dell’aeronautica Usa, Adam Wylie e di Emra una bellissima pastore belga malinois che a nove anni è andata finalmente in pensione e che Adam ha deciso di adottare.

Erano tre anni che Adam aspettava quel giorno e quando l’ha vista arrivare- come documenta il video dell’incontro- si è inginocchiato, afferrando delicatamente il muso di Emra con le sue mani, stringendolo al suo petto e sussurrandogli “Ciao bambina”.

Quando Wylie ha preso servizio in Corea del Sud è stato subito responsabile di Emra con la quale avevano il compito di pattugliamento nella basi dell’Aeronautica Usa, a Pyeongtaek e Osan. Con Emra, il sergente è stato anche al servizio di sicurezza durante le visite di funzionari Usa, del presidente Barack Obama e del vicepresidente Joe Biden.

“Significa tutto per me. Sono stato inviato in Corea del Sud quando nacque mia figlia ed Emra è stata una delle prime persone con le quali sono entrato in contatto. Era esattamente quello che cercavo, un sostegno emotivo mentre ero lontano dalla mia famiglia. Alcune volte abbiamo lavorato dalle 12 alle 13 ore al giorno ed eravamo solo io e lei”, ricorda Wylie, in un’intervista ai media americani.

Per questo Wylie voleva dare ad Emra una casa per la sua vecchia: “Non ci sono parole per esprimere come mi sento. E’ ancora bellissima. Le sono grato”, prosegue il sergente.

Emra è arrivata a fine aprile a Cincinnati dove andrà a vivere con Wylie e la sua famiglia grazie al supporto della American Humane, un’associazione che ha trovato i fondi per poter far tornare Emra negli Stati Uniti. Infatti, nella maggior parte dei casi, quando i cani vengono dismessi, restano nel paese dove hanno prestato servizio e finiscono la loro vita dietro a dei box, senza affetti e nelle peggiori delle ipotesi vengono soppressi.

Amy McCullough, responsabile della American Humane’s ha spiegato che l’associazione cerca di adoperarsi sempre al massimo affinché i cani di servizio siano riuniti con i loro addestratori.

“Emra per me è una persona. Abbiamo un legame profondo che non può essere toccato”, ha concluso il giovane militare.