Home News Aspetta un bambino, porta il cane in canile: lui cerca di tornare...

Aspetta un bambino, porta il cane in canile: lui cerca di tornare dal padrone

CONDIVIDI
cani in canile
Cane lasciato in canile

Lascia il cane al canile, lui cerca di tornare indietro dal padrone

Una vita serena assieme alla sua famiglia. Per ben 9 anni, un adorabile San Bernardo ha vissuto sereno e circondato dall’affetto e dalla tranquillità di un ambiente famigliare.

Come spesso accade, per motivi davvero assurdi, gli animali sono vittime d’indifferenza e i loro sentimenti non hanno importanza.

E così per questo povero san bernardo di nome Opus, la vita è cambiata non appena la famiglia ha scoperto che era stava aspettando l’arrivo di un bambino.

Il cane era ormai d’impiccio e per lui era arrivato il giorno peggiore della sua vita.

Opus è stato portato al canile, il Carson Animal Shelter. La sua reazione è stata straziante. Quando il padrone ha lasciato il cane al volontario, il povero animale era disorientato.

Nel filmato che documenta l’arrivo di Opus si vede il cane girarsi quando viene allontanato dal padrone.

Opus reagisce si gira, si rifiuta di seguire il volontario. Il cane è visibilmente disorientato e cerca di tornare indietro verso il padrone.

Abbandono cani

“Si vede che ha il cuore spezzato, cerca disperatamente di tornare indietro dal padrone, di cambiare la situazione”. Scrivono i volontari pubblicando l’appello su facebook.

Quello che spezza il cuore dei volontari è che il cane non solo è anziano e si meritava di restare nella sua famiglia. Un cane abituato a vivere in casa, nonostante la taglia. Gentile con le persone e con i suoi simili. Buono d’indole che si adatta anche agli altri animali più piccoli. Un cane che non dava fastidio e che sicuramente sarebbe stato il compagno ideale per un bambino piccolo.

Nonostante ciò, la sua famiglia, dopo averlo tenuto per 9 anni, come se fosse un oggetto ha deciso di liberarsene, portandolo in un canile dove viene praticata l’eutanasia. Sembra quasi inutile ripeterlo, ma nella maggior parte dei casi, i primi cani ad essere inseriti nella lista sono quelli anziani.

Per il povero Opus, l’unica speranza è quella dell’appello disperato dei volontari che stanno cercando una casa per lui.

Come tutti gli altri esemplari, ospitati nei canili, abbandonati o maltrattati, Opus si merita di finire i suoi giorni circondato dall’amore.

Se i cani sono come bambini di sei anni, possiamo solo immaginare al terrore che ha provato quando ha visto andare via il padrone. Lo stesso terrore che proverebbe un bambino di 6 anni nell’essere portato via dai genitori.