Home News Assolto per legittima difesa l’uomo che ha preso a calci il cane

Assolto per legittima difesa l’uomo che ha preso a calci il cane

CONDIVIDI

E’ stato assolto per legittima difesa l’uomo di 65 anni che per proteggere il proprio cane, ne aveva preso a calci un altro nello scorso marzo 2018.

cane aiuta contro depressione
Golden retriever

La sentenza è arrivata ieri 19 luglio 2019 quando l’uomo 65enne si è presentando nell’aula di tribunale con il proprio legale asserendo di aver solo difeso il proprio cane il pericolo.

La vicenda

Rimini, un uomo di 65 anni  camminava  nell’area riservata al passeggio dei cani del parco Marecchia, insieme al suo Golden retriever, Nick  un cane addestrato per l’unità di soccorso cinofilo.

L’uomo e Nick, il Golden Retriever sono molto impegnati in molteplici missioni di soccorso e di recupero di persone disperse tra le macerie.

I due si aggiravano tranquillamente nel parco quando furono attaccati da un grosso Dogo Argentino, il cane aveva puntato Nick abbaiando e ringhiando l’uomo  temendo per la salute del proprio cane e per evitare che Nick potesse farsi male seriamente sferro un calco al Dogo Argentino.

Dogo Argentino

Il Dogo se addestrato alla difesa è infatti un cane micidiale,fa parte della famiglia dei molossoidi (cani forti e resistenti) con una mascella potente e una bocca piena di denti affilatissimi.

Il 65enne non aveva però pensato al proprietario del dogo che vista la scena ha iniziato a inveire contro di lui chiamando le guardie zoofile, accusandolo di maltrattamento di animale.

Le guardi giunte sul luogo avevano sentito la versione di entrami i proprietari dei cani.

potrebbe interessarti anche—>Aggressione cani: Dogo argentino aggredisce diverse persone. Vagava libero

il 65enne assistito dal suo avvocato il 19 luglio si è dovuto quindi presentare alla corte per difendersi dall’accusa di maltrattamento di animali.

il legale dell’uomo che considerava la sua accusa alquanto ingiusta ha presentato un ricorso giustificando le modalità del gesto :”in presenza di una situazione di pericolo, non solo per la propria persona, ma anche per il proprio animale, sia del tutto legittimo usare la violenza, se necessaria per evitare peggiori conseguenze”.

Dogo Argentino

Il giudice ha dovuto concordare emettendo un verdetto di assoluzione in quanto ” il fatto non sussiste”.

L’avvocato del proprietario di Nick il Golden Retriever  ha infatti sottolineato l’innocenza del proprio cliente:” “Il mio assistito rimarca il dolore che ha dovuto sopportare per essere stato ingiustamente additato come persona cattiva e dedita al maltrattamento degli animali”.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>Cucciolo di Golden Retriever scappato di casa suona campanello per rientrare

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.