Home News Asti, Obbligatorio pulire la pipì dei cani in strada con acqua...

Asti, Obbligatorio pulire la pipì dei cani in strada con acqua e disinfettante

CONDIVIDI

Asti, Piemonte è uno dei comuni nel quale verrà sanzionato chi non rispetta l’obbligo di pulire la strada dall’urina del proprio cane.

obbligo pulizia pipì cani
Scultura cane che urina

D’ora in poi ad Asti, in Piemonte i proprietari di animali saranno obbligati sia a raccogliere gli escrementi, che a lavare la strada per l’urina del cane.

Il comune di Asti ha previsto ammende fino a 500 euro per i trasgressori.

L’amministrazione comunale si è vista costretta ad imporre questo nuovo obbligo dopo le svariate lamentele ricevute non solo da molti abitanti del paese, ma anche da tantissimi turisti.

Non rimuovere gli escrementi degli animali è sinonimo di inciviltà e maleducazione. L’Italia è una meta molto turistica e presentare il paese in maniera non adeguata potrebbe arrecare danni al turismo.

graffiti escrementi cane

potrebbe interessarti anche—>Anche il comune di Volterra obbliga i proprietari a pulire la pipì dei cani

Proprio per questo Asti non è il solo paese ad aver aderito a questa nuova ordinanza, altri paesi come Savona, Piacenza, Rieti, Chiavari, Sori e Santa Margherita Ligure (Genova) hanno adottato questa nuova misura in modo da mantenere il suolo pubblico pulito.

Il provvedimento è entrato in vigore il 16 gennaio 2019, e prevede multe che partono da un minimo di 25 euro, fino a un massimo  500 euro per chi non rispetterà il divieto, sono stati installati nuovi cestini appositi per gli escrementi degli animali.

D’ora in poi sarà obbligatorio esibire sotto richiesta della polizia municipale non solo paletta e bustine per gli escrementi ma anche un’apposita bottiglietta d’acqua con disinfettante per detergere il suolo pubblico dove l’animale ha deposto i propri escrementi.

L’ordinanza “per preservare igiene e decoro dei luoghi” è stata firmata dal primo cittadino Maurizio Rasero.

piazza Asti

Secondo il sole 24ore.it lo stesso sindaco avrebbe infatti dichiarato: “Tale provvedimento è stato adottato poiché la mancata rimozione delle deiezioni animali e la relativa pulizia del suolo pubblico, in particolare sui marciapiedi destinati ai pedoni, nelle aiuole e nei luoghi destinati alla ricreazione e allo svago dei cittadini, oltre a costituire un atto di maleducazione e di inciviltà, possono comportare rischi per la salute della popolazione, soprattutto per le fasce più esposte”

L.L.

potrebbe interessarti anche—>Comune di Bogliasco introduce l obbligo di pulire la pipì dei cani con acqua

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.