Home News Aumento delle adozioni dei cani: complice il periodo del lockdown

Aumento delle adozioni dei cani: complice il periodo del lockdown

Aumento delle adozioni dei cani, la conferma proviene dalle indagini che hanno preso in considerazione le ricerche fatte su Google.

cane con la sua padroncina

L’arrivo della pandemia ha purtroppo comportato un repentino cambio di abitudini all’interno della nostra vita quotidiana. Il cambiamento ha coinvolto tutti e ci ha fatto pensare all’importanza di avere al nostro fianco degli amici sinceri sui quali poter riporre la nostra fiducia.

Quest’ultimi sono i nostri amati animali che hanno visto un aumento di richieste di adozioni negli ultimi mesi. Ad affermarlo sono anche le ricerche fatte su Google.

Potrebbe interessarti anche: Gatti in Libreria la splendida iniziativa per promuovere le adozioni

Aumento delle adozioni dei cani, la conferma dalle ricerche fatte su Google

Padroni con i cani al parco (Foto Pixabay)
Padroni con i cani al parco (Foto Pixabay)

Le analisi effettuate hanno evidenziato il fatto che la compagnia di un animale domestico è più bella della solitudine, soprattutto durante il periodo del lockdown. Tali risultati emergono dal report annuale ZeiytGeist di Google che indicano cosa gli italiani cercano maggiormente sulla piattaforma più utilizzata.

I dati ottenuti sono incoraggianti perché lo conferma il 95,5 % delle ricerche condotte. Il duro periodo affrontato da tutti noi, ha indotto molti a ripensare al loro stile di vita, comprese le cose che contano davvero. L’assenza di familiari e  amici, ha spinto tanti a cercare rifugio tra il soffice manto di un amico pelosetto.

Il motivo risiede nella felicità che tutti gli animali domestici sono in grado di regalare agli altri, compresa una maggiore autostima, come emerge anche da una ricerca condotta nel 2011.

Potrebbe interessarti anche: Record di adozioni per una famiglia: 20 cani randagi trovano una casa – VIDEO

La presenza di un cane nella vita di una persona contribuisce a rendere la vita migliore, pertanto la loro compagnia offre un valido supporto per sconfiggere i momenti di solitudine.

Infatti, tantissimi rifugi a causa di una cospicua richiesta sono stati costretti a chiudere in pochissimo tempo. Un ottimo segnale per i nostri amati quattro zampe che finalmente hanno esaudito il loro desiderio di essere accolti in una famiglia piena d’amore nei loro confronti.

In contemporanea, l’aumento ha coinvolto anche le donazioni che sono state fatte ai rifugi a favore del sostegno che deve essere riservato a tutti i quattro zampe.

Un notevole passo in avanti che fa ben sperare sul proseguo di una bellissima azione collettiva che ci auguriamo possa crescere ancora di più in futuro e non solo in questo brutto periodo. Non tutti forse lo sanno ma avere un cane fa bene non solo all’umore ma anche al fisico.

Secondo uno studio svedese che ha preso in esame tre milioni di persone, vivere con un quattro zampe riduce il rischio di morte prematura  dovuta a malattie cardiovascolari. Insomma, avere un cane fa bene al cuore ma non bisogna mai dimenticare che prendere un pelosetto non è un semplice  passatempo, qualcosa di momentaneo,  ma un impegno da portare avanti costantemente con dedizione e soprattutto tanto amore.

Ricordiamocelo sempre!

Benedicta Felice