Home News La barba di un uomo può portare più germi del pelo di...

La barba di un uomo può portare più germi del pelo di cane

CONDIVIDI

Un piccolo studio su 18 uomini e 30 cani in Svizzera ha scoperto che le barbe degli uomini portano più germi della pelliccia del cane.

(CHRISTOF STACHE/AFP/Getty Images)

Il pelo del cane va curato tutto l’anno e vi abbiamo dato consigli utili su come farlo, in primavera poi arriva il momento della muta e ci si preoccupa su come rimediare a questo. Ci si lamenta spesso poi di come nel pelo del cane possano nascondersi batteri e altri agenti pericolosi per salute, ma un piccolo studio in Svizzera ha scoperto che le barbe degli uomini portano più germi della pelliccia del cane. Gli scienziati hanno tamponato 18 uomini barbuti e 30 cani e hanno trovato livelli significativamente più alti di microbi nella barba rispetto al pelo.

Leggi anche –> Cane di razza perde pelo: trovato morente con la ‘pelle d’elefante’ – FOTO

I risultati dello studio su alcune barbe e alcuni peli di cane

Come riportato dal Daily Mail, l’obiettivo originale dello studio era di verificare se gli esseri umani potevano essere infettati da malattie trasmesse dai cani attraverso uno scanner MRI che era anche usato dai veterinari. Per testare questo, i ricercatori hanno preso tamponi da 18 barbe maschili e 30 colli di cani. Il professor Andreas Gutzeit, della clinica svizzera Hirslanden, ha spiegato: “I ricercatori hanno trovato un carico batterico significativamente più alto in campioni prelevati dalla barba maschile rispetto alla pelliccia dei cani”. Tutte le barbe prese in esame, infatti, avevano un notevole numero di batteri, mentre in sette peli di cane su 30, questo non è avvenuto.

“Sulla base di questi risultati, i cani possono essere considerati puliti rispetto agli uomini barbuti”, ha aggiunto il dott. Gutzeit. Certo, bisogna tenere presenti alcune cose. Innanzitutto, si trattava di uno studio estremamente piccolo, come si può capire dal numero di soggetti testati, e come tale i suoi risultati dovrebbero essere presi con le pinze. In secondo luogo, come osserva Keith Flett, fondatore del Beard Liberation Front [il Fronte di Liberazione della Barba], “penso che sia possibile trovare ogni sorta di cose spiacevoli se si prendessero i tamponi dai capelli e dalle mani della gente e poi li testassimo”.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI