Home News Bubs, il gattino dolcissimo sopravvissuto all’incendio della California

Bubs, il gattino dolcissimo sopravvissuto all’incendio della California

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:51
CONDIVIDI

Un gattino di nome Bubs ha provato l’esperienza di ritrovarsi in mezzo alle fiamme. Tempestivo l’intervento dei vigili del fuoco.

Gattino rischia la vita in un incendio: vigili del fuoco provano a salvarlo (foto Facebook)
Gattino rischia la vita in un incendio: vigili del fuoco provano a salvarlo (foto Facebook)

L’anno 2020 è stato caratterizzato dal coronavirus, ma non solo. Ovviamente la pandemia da covid-19 è stato l’avvenimento più grave che potesse mai succedere, ma non è stato l’unico evento.

Infatti, come ben ricorderanno i nostri lettori, nel 2020 oltre al coronavirus ci sono stati moltissimi incendi che hanno colpito più zone del mondo come l’Australia e gli Stati Uniti.

In Australia l’incendio è durato svariati mesi; da giugno 2019 a maggio 2020. In questo cataclisma hanno perso la vita molte persone, ma il dato più rilevante è il seguente. Nell’incendio hanno perso la vita più di 480 milioni di animali.

Dato avrà commosso tutti gli amanti degli animali come noi. In Australia hanno perso la vita i diavoli della Tasmania, i koala, i canguri, il quokka (un marsupiale che viene descritto come l’animale più felice del mondo) e i wombat fra i tanti. Queste specie animali adesso sono a rischio di estinzione e il WWF sta aiutando gli esemplari sopravvissuti fornendogli cure e facendoli riprodurre.

L’altro incendio invece riguarda gli Stati Uniti d’America e nello specifico quello della California. Ebbene, è proprio qui che è ambientata la storia di cui vi parleremo oggi. È qui che per miracolo, tra le fiamme vive è stato tratto in salvo un gattino.

Avete voglia di conoscere i dettagli di questa storia? Non dovete fare altro che scorrere nella lettura e procedere al paragrafo successivo.

Potrebbe interessarti anche: Traffico fraudolento di gatti: arrestato ex allevatore

Gattino rischia la vita in un incendio: vigili del fuoco provano a salvarlo

Gattino rischia la vita in un incendio: vigili del fuoco provano a salvarlo (foto Facebook)
Gattino rischia la vita in un incendio: vigili del fuoco provano a salvarlo (foto Facebook)

Come vi abbiamo già accennato in apertura dell’articolo, gli incendi in Australia e in California hanno causato morte e devastazione in ampie aree.

A causa di questo cataclisma sono molte le persone che hanno perduto, oltre alla propria casa, anche persone care. Insomma, brutte notizie ma non solo. In un disastro si può trovare anche una bella notizia. Come?

Vi risponderò con un esempio. L’11 settembre 2001, nonostante i tanti morti a causa del crollo delle torri gemelle, vi fu una bella notizia. Roselle, un cane di razza Labrador Retriever, in quell’occasione ha salvato 30 vite.

Sorpresi vero? Invece la notizia bella di oggi è un’altra. Fra le tante vittime dell’incendio in California, un gatto nero, oltre che a essere uscito vivo dalle fiamme, ha avuto anche il pregio e la fortuna di ritrovare la sua famiglia.

È successo nel mese scorso, quando l’incendio californiano aveva raggiunto la Carmel Valley Village. Dopo aver smorzato le fiamme, i vigili del fuoco hanno notato in un furgone bruciato la presenza di alcuni animali.

I pompieri dopo essersi accertati della presenza di animali a bordo, hanno immediatamente messo al corrente la SPCA Monterey County di aver trovato dei gatti in un furgone bruciato.

Tra i felini sopravvissuti, ce n’era anche uno nero. Era il più piccolo di tutti e aveva subito delle ustioni alle zampe. Bubs, questo il nome del micio, ha ricevuto tutte le cure di cui aveva bisogno ed ha dimostrato a sua volta una personalità brillante.

La SPCA (società per la prevenzione della crudeltà verso gli animali), è riuscita a rintracciare i proprietari di Bubs e ha scoperto che erano stati costretti a lasciarlo indietro durante l’incendio.

La famiglia del nostro amico a quattro zampe ha perso la casa nell’incendio, e poiché Bubs aveva bisogno di così tante cure per le sue ustioni, i volontari hanno continuato a curarlo in modo totalmente gratuito.