Home News Cane ritrova i padroni dopo un mese grazie a degli sconosciuti

Cane ritrova i padroni dopo un mese grazie a degli sconosciuti

CONDIVIDI

Una brutta storia che era cominciata un mese fa si è conclusa per fortuna con un epilogo felice. La vicenda riguarda Buk, un setter inglese di 10 anni che era sparito da casa e che è stato ritrovato da una coppia amante degli animali, la quale ha notato che il cane era dotato di regolare microchip.

E grazie a questo è stato possibile individuare i suoi padroni. Il WWF, che riporta la vicenda, ne approfitta per ricordare a tutti che non installare il microchip ai propri amici a quattro zampe, e di conseguenza non registrarli all’anagrafe canina, è un comportamento biasimevole che viene punito con pesanti sanzioni.

Buk si era allontanato dal suo box per inoltrarsi tra le campagne di Caltanissetta e San Cataldo a fine novembre, e dopo qualche settimana è stato ospitato da un uomo ed una donna, che se ne sono presi cura, contattando poi in un secondo momento le guardie zoofile della sezione locale del WWF.

Da lì ad individuare il codice numerico del microchip impiantato sotto pelle è bastato poco, e le guardie del WWF hanno poi contattato i servizi veterinari dell’ASP di Caltanissetta. Buk è potuto tornare a casa poco prima di Capodanno, e la storia è finita con il finale sperato da tutti.

I proprietari del cane hanno ringraziato di cuore le due persone che hanno ritrovato il quattro zampe, fornendo un aiuto fondamentale per il suo ritorno. Il WWF contestualmente fa sapere che installare il microchip di riconoscimento nei propri amici a quattro zampe può risultare fondamentale per risolvere problematiche spiacevoli di questo genere.

In più si ricorda che sono previste pesanti sanzioni per chi non si adegua, visto che l’applicazione del microchip sui cani è previsto per legge dal 2000, ricorda anche in che modo chiedere l’intervento delle proprie guardie zoofile.

Basta contattare i volontari della sezione WWF più vicina sul proprio territorio attraverso Facebook o per e-mail all’indirizzo guardieambientali@sociwwf.it. Intanto è accaduto anche il contrario, con una padrona ad essere stata trovata dal proprio cane…ed i una maniera incredibile.