Home News Cane bruciato vivo: allevatrice accusata di crudeltà animali

Cane bruciato vivo: allevatrice accusata di crudeltà animali

CONDIVIDI
crudeltà animali
Fudji, pastore tedesco bruciato vivo

Cane bruciato vivo trovato nei campi

Un caso di crudeltà inaudita di cui è stato vittima un pastore tedesco di 9 anni. L’esemplare di nome Fudji è stato trovato i primi giorni di agosto, in gravi condizioni in aperta campagna a Sagy nel dipartimento francese di Saône-et-Loire.

A dare l’allerta, una donna, compagna del proprietario dell’animale, allevatrice amatoriale. Il cane è stato subito trafserito presso una clinica veterinaria dove è stato accertato che qualcuno lo aveva dapprima cosparso di un liquido infiammabile per poi dargli fuoco.

Le gravi ferite hanno portato al colasso degli organi. Nonostante le cure, Fudji è deceduto a distanza di 10 giorni dal ritrovamento.

“I suoi reni hanno ceduto, nonostante le flebo e la dialisi. Il suo corpo ha deciso di fermarsi. Durante il ricovero, ha sempre dimostrato di avere fiducia in coloro che si stavano prendendo cura di lui. Riposa in pace Fudji. Speriamo che sia morto con il sentimento di fiducia nei riguardi dell’essere umano”.

Scrive il personale della clinica che ha cercato di salvare il cane, vittima di una crudeltà senza pari.

Crudeltà animali

Sul caso hanno indagato le forze dell’ordine. Dopo aver ascoltato diverse testimonianze, i sospetti si sono subito concentrati sulla donna che aveva finto di aver ritrovato Fudji. La compagna del proprietario del pastore tedesco, allevava cani, senza nessuna competenza. E’ possibile che abbia agito in preda ad un raptus di rabbia.

La donna è stata denunciata per maltrattamento e uccisione di animali. Dovrà ora rispondere alle accuse all’udienza del processo fissata il 3 settembre. La donna rischia una condanna di due anni di carcere e una sanzione di 30mila euro.

Il caso ha sollevato indignazione in Francia e diverse associazioni animaliste si sono costituite parte civile nel processo. La clinica veterinaria ha riferito di aver messo a disposizione tutta la cartella clinica del povero Fudji.

Esprimendo il proprio dolore, i veterinari che hanno seguito Fudji, hanno voluto sottolineare come “la crudeltà verso gli animali sia solo il primo passo verso la crudeltà nei riguardi delle persone”.

 

I post denuncia della clinica veterinaria dove era in cura il cane:

C.D.