Home News Cane in fuga: fa cento chilometri per tornare a casa

Cane in fuga: fa cento chilometri per tornare a casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:41
CONDIVIDI

Dura cento chilometri la fuga del cane Ping An, cane che vuole tornare a casa per rivedere la sua famiglia

cane cento chilometri tornare casa
Ping An, il cane che ha fatto cento chilometri per tornare a casa (Foto WeChat)

Ping An: questo il nome del cane in fuga, che ha fatto cento chilometri sulle proprie zampe pur di tornare a casa. Il motivo è molto semplice: alla golden retriever mancava la sua famiglia, dalla quale si era dovuta separare. La cagnolina non si è persa d’animo: si è messa sulle sue zampe e ha affrontato un lungo viaggio per incontrare di nuovo i suoi amici umani.

Ping An si deve separare dalla sua famiglia umana

cane cento chilometri tornare casa
Ping An in mezzo al bosco (Foto WeChat)

La famiglia che l’ha adottata ha dovuto salutare per qualche tempo la golden retriever: Ping An aveva bisogno di cure e per un periodo sarebbe stata affidata alle cure di un amico dei suoi proprietari. Giusto per ricevere le terapie di cui aveva bisogno, per poi poter rivedere i suoi amici umani.

Così la famiglia del cane ha scelto di portare l’animale da Qidong, loro città di residenza, a Nantong, centro appunto a cento chilometri di distanza. Una separazione non certo facile, ma necessaria per il bene della loro cucciola speciale.

Un cane in fuga: Ping An fa cento chilometri per tornare a casa

cane cento chilometri tornare casa
Ping An a casa (Foto YouTube)

La nostalgia di casa, però, era troppa: Ping An ha deciso di scappare dall’abitazione in cui era ospite e di mettersi in cammino. Una fuga lunga cento chilometri per tornare a casa, dalla sua famiglia.

I suoi custodi temporanei si sono accorti dopo poco della sua assenza. Non riuscendo a trovare il cane, hanno subito lanciato l’allarme, avvisando anche i proprietari della retriever. La famiglia di Ping An si è messa subito alla ricerca dell’amica, ignorando che questa stava già tornando da loro.

Grazie alla sua memoria fotografica, il cane ha ripercorso quasi tutto il viaggio di ritorno, perdendosi però quando era quasi in dirittura d’arrivo. Alcuni lavoratori hanno notato l’animale vagare sperduto e hanno pensato di accudirlo. Poi, attraverso WeChat, hanno messo in giro la voce del ritrovamento, riuscendo a contattare i proprietari. La famiglia ha così potuto riabbracciare Ping An, come si vede nel video qui sotto.

Visto il lungo viaggio, era importante portare il cane dal veterinario. Così ha fatto la sua famiglia. Lo specialista ha curato le zampe di Ping An, logore visto l’enorme viaggio che avevano fatto. Poi la golden retriever è tronata definitivamente dai suoi proprietari, ai quali ha dimostrato davvero che il cane è il migliore amico dell’uomo.

Ti potrebbe interessare anche: Dou Dou, il cane che ha camminato per 26 giorni per tornare a casa

Matteo Simeone