Home News Cane gettato in mare dentro una gabbia: una condanna a morte

Cane gettato in mare dentro una gabbia: una condanna a morte

CONDIVIDI
uccisione cane
Gabbia con cane lasciata su scogli

Lascia il cane dentro una gabbia sugli scogli

In tema di crudeltà sugli animali non c’è limite a nulla. E’ quanto emerge da un caso che si è verificato a Monmouth County, nel New Jersey, Stati Uniti.

Un uomo stava passeggiando lungo la spiaggia di Highlands con il suo cane. Ad un tratto l’animale pare aver fiutato una traccia e porta il padrone verso gli scogli.

L’uomo lo segue e si trova dinanzi ad una scena agghiacciante. Sugli scogli, vi era un giovane esemplare, rannicchiato dentro ad una gabbia trasportino. L’alta marea aveva già cominciato a raggiungere la gabbia. Il cane era intrappolato e accerchiato dall’acqua e dalle onde. Da li a poco, il povero animale avrebbe rischiato di essere trascinato via dalla corrente.

Il cane era spaventato e terrorizzato dall’acqua. L’uomo ha subito agito. Dopo essersi arrampicato sugli scogli, è riuscito ad aprire la gabbia e a trascinare via il cane, mettendolo al sicuro sulla terraferma.

Il caso è stato denunciato alle autorità locali che hanno avviato un’indagine per poter individuare il responsabile.

“Il cane è stato portato al dipartimento di polizia delle Highlands, che poi ha chiamato il servizio del canile municipale dell’Animal Control. Quando gli addetti del canile municipale si sono presentati sul posto, la marea aveva già quasi completamente ricoperto la gabbia. Se non fosse per quell’uomo, il cane sarebbe potuto annegare”. E’ quanto ha comunicato in un post, l’ufficio del procuratore della contea di Monmouth.

Crudeltà animali

L’esemplare di circa un anno, è stato chiamato River e affidato all’ente di protezione animali locale. River era in buone condizioni di salute anche se un po’ disorientato e spaventato. Secondo il personale veterinario, l’animale era ben tenuto prima di essere abbandonato.

Tra le prime ipotesi, si pensa che la gabbia sia stata lasciata sugli scogli tra le 4h di notte e le 6h del mattino.

Hanno anche scritto che il cane sembrava essere ben curato prima di essere abbandonato. River non aveva un microchip, quindi l’identità del precedente proprietario è ancora sconosciuta.

Il dipartimento della polizia e gli addetti del canile stanno ora cercando un padrone per questo adorabile esemplare che merita una seconda opportunità.

Il post di denuncia

Il post per ringraziare il soccorritore