Home News Cane in pericolo su un davanzale a 20 metri di altezza: le...

Cane in pericolo su un davanzale a 20 metri di altezza: le sue condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:42
CONDIVIDI

Un cane è rimasto bloccato, in grave pericolo, su un davanzale a 20 metri di altezza, senza riuscire a tornare indietro e rientrare in casa.

Cane in pericolo davanzale
Cane in pericolo su un davanzale (Foto Getty Images)

I cani hanno spesso il potere di mettersi nei guai. Uno di essi, in un appartamento a Corsico in provincia di Milano, è rimasto bloccato sul davanzale di una finestra al sesto piano dell’appartamento in cui risiede con i suoi proprietari.

Cane in pericolo su un davanzale a 20 metri di altezza: il ruolo dei proprietari e l’intervento dei Vigili del Fuoco

cane pericolo
Le condizioni del cane in pericolo (Foto Flickr)

Se in molti casi i Vigili del Fuoco giungendo sul posto hanno constatato che i cani erano riusciti ad avventurarsi in luoghi così pericolosi perché trascurati dai loro proprietari oppure perché quest’ultimi avevano sottovalutato il pericolo di una porta o di una finestra aperta, in questo caso pare che sia trattato proprio di un incidente imprevedibile.

Il vento forte ha aperto una finestra e il cane non è riuscito a resistere alla tentazione di avventurarsi all’esterno, quindi per i proprietari dell’animale non sembra configurarsi almeno per ora il reato di mancata custodia.

L’animale, forse smarritosi, forse impaurito per l’altezza, non è più riuscito a rientrare in casa e a quel punto ha iniziato ad abbaiare in cerca di aiuto. Dopo un po’ il custode ha sentito i latrati del cane e vedendolo in pericolo ha così chiamato i Vigili del Fuoco che, anche in questa ennesima occasione, sono dovuti intervenire per salvare un animale in pericolo. La squadra intervenuta è riuscita a salvare il cane che si trovava a 20 m di altezza.

Fonte: La Stampa

Potrebbero interessarti anche >>> 

Teresa Franco

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI