Home News Un cane lasciato fra i suoi escrementi: punita una coppia troppo “impegnata”

Un cane lasciato fra i suoi escrementi: punita una coppia troppo “impegnata”

CONDIVIDI

 

Uscire e il cane lasciato solo per ore interminabili, fra i suoi escrementi e tanta incuria. Siamo a Trieste e questa coppia è stata sanzionata per aver maltrattato un cane lasciandolo solo per troppo tempo. Troppo impegnati per lui, evidentemente, e così il povero cagnolone veniva lasciato a se stesso per orari impossibili. Ad accorgersi del misfatto è stata una vicina di casa di questa coppia triestina, che aveva preso in affitto un appartamento dichiarando di avere un cane. In effetti era così, ma a quanto pare non erano particolarmente in grado di prendersene cura. Uscivano e lo lasciavano solo per tutta la giornata, fino a renderlo intrattabile e anche fastidioso, per alcuni vicini.

Trieste, il cane lasciato solo fra i suoi escrementi: i provvedimenti della Polizia

Ecco perché la vicina di casa si è incuriosita ed è andata a fondo alla questione. I condomini, passando dal pianerottolo, sentivano odori sgradevoli uscire da quell’appartamento. Si sentiva spesso abbaiare e gli odori pessimi non promettevano nulla di buono. Per questo motivo è stata contattata la proprietaria di casa che si è subito attivata, contattando la Polizia locale per andare a fondo alla questione. Su ‘Trieste Prima’ si legge che dopo il sopralluogo della Polizia, insieme con il Servizio di veterinaria dell’ASL, è emerso che l’appartamento versava in condizioni igieniche drammatiche, soprattutto a causa dei bisogni del cane lasciato solo, che si presentava peraltro magro e malnutrito. La donna che, insieme col suo compagno, aveva in conduzione l’appartamento, è risultata essere la proprietaria del cane: la mattina veniva ripulito e accudito e poi entrambi uscivano per tutta la giornata, lasciandolo solo a se stesso. Per di più l’animale non è stato trovato iscritto il cane alla Banca Dati Regionale. Per questo motivo è prevista una sanzione di 200 euro, mentre per il reato ipotizzato di detenzione di animale in condizioni non adeguate e tali da causargli sofferenza (Art. 727, c. 2 del Codice Penale) è previsto l’arresto fino a un anno o l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro, a cui si aggiunge una multa di 500 euro per aver tenuto l’appartamento in condizioni igieniche precarie. Alla fine il cane lasciato solo è stato consegnato al canile ed è stato preso in custodia da un veterinario, che gli sta prestando le cure necessarie e probabilmente contribuirà a trovargli una nuova famiglia.