Home News Stressato dalla vita in canile, cane lecca il muro del suo box

Stressato dalla vita in canile, cane lecca il muro del suo box

Un tenero cagnolino, provato dalla vita nel rifugio, per sfogare il suo nervosismo lecca le pareti del suo box

cane lecca muro box canile
Reilly mentre lecca le pareti del suo box (Screenshot Video)

Molte volte abbiamo raccontato storie di cani salvati, riportando lo straordinario lavoro compiuto dai volontari di rifugi. Grazie al lodevole operato di questi eroi senza mantello, molti animali maltrattati, abbandonati o dimenticati dagli umani hanno ricevuto l’aiuto di cui avevano bisogno e in cui, forse, non speravano più.

Molti di loro hanno accolto con gioia l’intervento dei loro salvatori, altri invece hanno reagito con diffidenza, traumatizzati dalle loro passate esperienze. In questi casi, lo staff dei canili ha dovuto fare uno sforzo in più per guadagnare la loro fiducia e aspettare che l’animaletto si lasciasse avvicinare.

Alcuni cani recuperati hanno avuto un trascorso così difficile, che la sicurezza di avere un luogo al chiuso che li protegga dal freddo, che li ripari dal sole e dalla pioggia e la certezza di aver cibo e acqua ogni giorno, oltre a ricevere attenzioni da persone amorevoli, è sufficiente per ridargli il sorriso e guardare al loro futuro con ottimismo.

Ma quello che ogni cagnolino desidera è solo riceve amore, e avere una casa e una famiglia tutta sua. La sua cuccia, la sua ciotola, il suo collare, un mondo tutto suo in cui possa avere i suoi spazi e le sue abitudini.

Per questo le organizzazioni di salvataggio di animali cercano di trovare ad ogni cucciolone che arriva nelle loro strutture i proprietari adatti a lui. Perché sebbene i rifugi siano una realtà straordinaria, non dovrebbero essere il luogo in cui un cane debba trascorrere la sua intera vita.

Cane lecca le pareti del suo box per il nervosismo: il toccante video

cane lecca muro video
Pupazzetto di un cane (Foto Pixabay)

Alcuni cani salvati, infatti, fanno più fatica ad adeguarsi alla vita all’interno dei rifugi. Questi spesso si mostrano inquieti e stressati dal dover stare chiusi in un box, magari troppo stretti per loro. Convivere con altri cuccioli, sentire gli altri cani abbaiare insistentemente. Sentendosi soli, incompresi e tristi.

Ed è esattamente quello che sta capitando a Reilly, un cagnolino salvato dalla Pima Animal Care Center. Il cucciolone, un incrocio di Pit Bull Terrier di circa due anni, è stato recuperato e condotto al rifugio lo scorso ottobre.
Da allora, il Fido non si è mai abituato alla sua nuova routine nel canile, iniziando a scaricare il suo nervosismo leccando le pareti del suo box.

Nel disperato tentativo di aiutarlo, i volontari dell’organizzazione hanno condiviso, sulla propria pagina Facebook, un video per mostrare quanto sia difficile per lui vivere nel rifugio. Lo staff ha scritto anche un appello per aiutare il povero quattro zampe a trovare ciò di cui ha estremamente bisogno: una nuova casa.

“Reilly è stressato dalla vita nel canile e l’unico modo per aiutarlo è FARLO USCIRE. Non è riuscito a tranquillizzarsi in alcun modo, nonostante sia qui da un mese e mezzo.
Ogni giorno il suo stress mentale, emotivo e fisico aumenta sempre di più. Vivere qui è un incubo per lui. È troppo rumoroso, troppo limitato, troppo spaventoso.
Una casa tranquilla dove poter stare gli SALVERÀ LA VITA”.

L’organizzazione ha chiesto il contributo e la partecipazione di tutti nel diffondere il messaggio, affinché giunga a qualcuno che decida di adottarlo.
Nel filmato si vede il piccolo Reilly con la zampa appoggiata sulla porta del suo box, chiusa, mentre lecca il muro, come sfogo del suo stress e del suo malessere.

Le immagini toccanti sono ardue da guardare per chi ama gli animali e riesce ad empatizzare con la loro sofferenza.
Speriamo che presto questo cucciolo riesca a toccare il cuore di qualcuno che gli doni la vita che ha sempre desiderato e non ha ancora avuto.

Potrebbe interessarti anche: Trovano un cane, le telecamere mostrano perché non riescono a comunicare con lui

M. L.