Home News Cane maltrattato, è caccia all’uomo da parte della polizia

Cane maltrattato, è caccia all’uomo da parte della polizia

CONDIVIDI
Cane maltrattato
@Twitter

È caccia all’uomo da parte della polizia di Snohomish, una contea che sorge non lontano da Washington. La zona della capitale degli Stati Uniti e dintorni è interessata dalla ricerca di uno o più individui che si sono resi responsabili di un grave episodio di abuso ai danni di un cane. L’animale è stato ritrovato abbandonato in strada lungo un percorso escursionistico martedì scorso, noto come ‘Sentiero Centenario’. Ciò che balza immediatamente all’evidenza è il fatto che al quattrozampe manchi completamente il pelo in alcune parti del corpo che vanno dal ventre alle zampe posteriori. Il cane maltrattato è apparso estremamente sofferente ed è stato già sottoposto ad una visita da parte di un veterinario. Successivamente è stato poi condotto ad un rifugio per quattrozampe. Qui verrà rimesso in forze e predisposto per l’adozione.

A quanto risulta, non è dotato di microchip, e proprio per questo motivo le forze dell’ordine sono al lavoro. L’ignoto o gli ignoti rischiano di essere accusati del reato di maltrattamento di animali. Resta da stabilire se possano poi esserci ulteriori capi d’imputazione nei loro confronti. La polizia locale inoltre ha anche rilasciato degli appelli alla cittadinanza, sollecitandola a chiamare un apposito numero di telefono. Questo nel caso in cui ci sia qualcuno in grado di fornire un aiuto concreto nelle indagini per trovare il colpevole che ha fatto questo a quel povero cane.

Cane maltrattato, dalle nostre parti c’è stata una sentenza storica

In Italia è di qualche giorno fa la notizia della condanna di un uomo che investì un cane nel 2011. Questi non si fermò a prestare soccorso, ed il proprietario del cane decise di inoltrare nei confronti dell’investitore una denuncia. Con tanto di richiesta danni. Ci sono voluti 6 anni, ma alla fine il giudice si è espresso in favore di tale domanda. Il condannano dovrà ottemperare al pagamento di una cospicua somma a titolo di risarcimento. Ed a memoria è la prima volta che accade una cosa del genere. Visto che in Italia i cani e gli altri animali vengono ritenuti dalla Legge come dei beni mobili. Potete leggere i dettagli di questa vicenda cliccando qui.

A.P.