Home News Cane maltrattato dal proprietario: subiva torture terribili – VIDEO

Cane maltrattato dal proprietario: subiva torture terribili – VIDEO

CONDIVIDI
cane maltrattato
(screenshot video)

Un povero cane veniva maltrattato dal suo proprietario: l’animale subiva torture terribili, picchiato selvaggiamente con un palo di metallo.

Gli attivisti per i diritti degli animali hanno fatto irruzione e hanno salvato un cane dopo che il suo proprietario malato è stato catturato dalla telecamera mentre lo colpiva con un palo di metallo. L’animale può essere sentito ululare dal terrore e dal dolore mentre il suo vile proprietario lo picchiava ripetutamente nel giardino della loro casa. Il povero cane spaventato fece del suo meglio per togliersi di mezzo l’uomo aggressivo, ma non c’era nulla dove nascondersi. L’organizzazione di salvataggio degli animali Levijatan è entrata in azione dopo che il filmato, girato nella capitale serba di Belgrado, è stato pubblicato su Twitter.

Leggi anche –> Cane maltrattato perde un occhio: questo non gli impedisce di giocare

Le reazioni al video del cane maltrattato

I volontari hanno rintracciato l’indirizzo, nel quartiere Mirijevo della città, e hanno dichiarato di aver confiscato il cane. Più tardi Levijatan ha pubblicato una foto del cane con un volontario tatuato con la didascalia: “L’abbiamo presa, nessuno le farà mai più del male”. Il video dell’attacco orribile ha anche scatenato dozzine di commenti rabbiosi sui social media.

Tatjana ha detto: “Qualcuno sa chi è questo pazzo?”, E “quinto elemento” ha aggiunto: “È terrificante e inquietante; Sfortunatamente, queste menti malate sono tra di noi”. Ma l’organizzazione di salvataggio di Levijatan rispose: “Signori, calmatevi. Il cane è stato salvato”. ‘BleyaGang’ ha chiesto: ‘Perché qualcuno dovrebbe abusare degli animali? Cosa sta succedendo a quelle persone?! Massimo rispetto per voi e la vostra organizzazione”.

Leggi anche –> Maltrattamento animali, cane bruciato con dell’olio bollente – FOTO

GUARDA VIDEO

Attenzione: immagini non adatte a un pubblico sensibile