Home News Cane morto in aeroporto a Sidney: accuse alla compagnia aerea

Cane morto in aeroporto a Sidney: accuse alla compagnia aerea

CONDIVIDI
cane morto aeroporto
(Facebook)

Cane morto in aeroporto a Sidney: le ragioni del decesso non sono chiare, arrivano accuse alla compagnia aerea Virgin che replica.

Una famiglia del New South Wales chiede risposte dopo che il loro amato bulldog francese è morto durante un volo di ritorno da Townsville. Avevano portato il loro animale domestico, Bruno, con loro per visitare i parenti, ma questi fu trovato morto all’aeroporto di Sydney. Non sono note ancora del tutto le ragioni dell’accaduto e la compagnia aerea Virgin ha respinto le accuse nei propri confronti.

Leggi anche –> Fedeltà animali, abbandonano anziano cane all’aeroporto. Lui continua ad aspettarli

Com’è morto Bruno all’aeroporto di Sidney

Virgin Australia ha confermato che è in corso un’indagine interna, ma la compagnia aerea afferma di aver seguito tutti i protocolli e le procedure durante il trasporto del piccolo Bruno. Il Bulldog francese di sei anni era su un volo di ritorno a Sydney il giorno di Santo Stefano dopo aver passato il Natale con i suoi proprietari a Townsville. Purtroppo quando i proprietari Kristina e Neil Maccabee andarono a prenderlo, lo staff della compagnia aerea disse loro che il loro amato cane era morto, probabilmente per asfissia.

La coppia ora punta il dito verso Virgin, dicendo che Bruno è stato lasciato sull’asfalto caldo per 40 minuti prima di imbarcarsi. Il veterinario Lizzie Gan ha messo chiaramente in evidenza che può essere difficile volare con qualsiasi animale domestico, ma le razze come queste con le facce piatte sono più a rischio.

Leggi anche –> Hawaii, cane ucciso in aeroporto senza alcun motivo

Virgin spiega le proprie ragioni dopo la morte del cane

Queste razze di cani “hanno difficoltà a dissipare il calore o ad espellere il calore dalle loro vie aeree ristrette e quindi qualsiasi brachicefalo è a rischio di surriscaldamento”. Virgin afferma che i clienti che viaggiano con questi tipi di razze sono tenuti a firmare una rinuncia riconoscendo il rischio che deriva dal trasporto.

Secondo la compagnia aerea, Bruno era nella zona dei bagagli appropriata, era sempre all’ombra e aveva molta acqua. Virgin dice che gli dispiaceva sapere della sua scomparsa e stavano prendendo la questione con estrema serietà. In ogni caso, ha tenuto a ribadire di non avere responsabilità dirette nella morte del povero animale.

Leggi anche –> Panico all’aeroporto internazionale di Wuhan: cane salta fuori dall’aereo