Home News Cane rapito a Milano, la padrona aggredita non ha potuto fare niente

Cane rapito a Milano, la padrona aggredita non ha potuto fare niente

CONDIVIDI
cane rapito
archivio

Una brutta disavventura è capitata ad una donna, a dispetto dello spirito che contraddistingue questi giorni di festività natalizie. La signora è stata infatti aggredita a Porta Venezia, a Milano, nella notte tre il 25 ed il 26 dicembre. E quel che è peggio è che, oltre ad una colluttazione fisica che l’ha vista incassare anche una brutta botta alla testa, alla sventurata è stato rapito anche il cane. Si tratta di una cagnetta in realtà, Lisa, un Volpino Italiano bianco di 5 anni. A sopraffarla sono stati due uomini durante una passeggiata notturna successiva al cenone. La signora è caduta a terra e quando si è rialzata ha visto che il suo cane era stato rapito. Erano le 2:00 del mattino quando è successo il tutto. La donna è stata portata in ospedale per svolgere una Tac, allo scopo di scongiurare qualsiasi eventuale conseguenza. Ma adesso il suo amato animaletto domestico non c’è più, portato via chissà da chi. Stando alla testimonianza rilasciata dalla stessa donna, Lisa è stata portata via in seguito a quello che sembra essere un vero e proprio sequestro.

Cane rapito, molto probabilmente c’entra il mercato nero

Non si esclude però che il quattrozampe possa essersi allontanato di sua spontanea volontà, magari per lo spavento (mentre un altro cane ha battuto un coccodrillo!). Il fatto è capitato mentre era buio e non è stato possibile notare altri dettagli che potrebbero eventualmente aiutare a rintracciare i malintenzionati. Lisa è dotata di normale microchip, come impone la legge. La signora dice anche che conosce bene la strada per tornare a casa. Comunque l’ipotesi più accreditata sembra essere proprio quella che porta al rapimento, con lo scopo presumibilmente di vendere l’animale al mercato nero. I vicini di casa si sono dati da fare per ritrovare la piccola Lisa, e hanno chiesto informazioni più di una volta anche al canile ed alle analoghe strutture del circondario. Sembra che in zona esista un mercato nero nel quale vengono piazzati cani di piccola taglia strappati ai legittimi padroni per essere rivenduti in cambio di qualche centinaio di euro. Una cosa simile era capitata proprio ad inizio mese ad un altro cane rapito.

A.P.