Home News Porta il cane in un rifugio: restituito morto, avvolto nel nastro adesivo

Porta il cane in un rifugio: restituito morto, avvolto nel nastro adesivo

CONDIVIDI

Una donna porta il suo cane in un rifugio prima di Natale: le viene restituito morto e avvolto nel nastro adesivo, la denuncia della proprietaria.

cane nastro adesivo
Nova (Facebook)

Una donna sta facendo una campagna per far chiudere un allevamento di Dublino dopo che è tornata dalle vacanze e le è stato consegnato il suo cane, morto e avvolto in un nastro adesivo. Kristen Kinch ha lasciato la sua amata Nova, un siberian husky, al P&E Boarding Kennels and Cattery per tre giorni il 27 dicembre 2018, mentre viaggiava in Islanda con la sua famiglia. Quando tornò con sua madre a prendere il cane a Capodanno, le fu detto dal personale che Nova era stata trovata insanguinata ed era quindi morta.

La drammatica morte di Nova e le giustificazioni del rifugio

“Siamo rimasti completamente scioccati e oltremodo devastati nel sentire questo e all’inizio ho pensato che fosse un orribile scherzo considerando che avevamo lasciato un cane sano appena 3 giorni prima”, ha scritto la signora Kinch in un post pubblicato su Facebook. Come se non bastasse, la donna resta sconvolta quando la portano a prendere il cane e lo ritrova avvolto in una sorta di cartone, fissato con il nastro adesivo. Mercoledì via Change.org è stata lanciata una petizione per chiudere i canili gestiti dal P&E. La campagna, denominata “Giustizia per Nova”, è subito divenuta mediatica, raccogliendo circa 30mila firme in 24 ore.

Il proprietario del canile, Paddy Cullen, ha detto che lui e la sua famiglia hanno ricevuto “nient’altro che messaggi di odio e minacce di morte” da quando la signora Kinch ha pubblicato il suo messaggio. Ha spiegato al ‘Metro’ di non avere responsabilità sulla morte del cane, trovato morto in una pozza di sangue la mattina, quando si è recato al rifugio. “Ho chiamato il veterinario e mi è stato detto di avvolgere il cane per non infettare gli altri cani”, ha spiegato. In sostanza, ha sottolineato, l’ha fatto per evitare la diffusione del parvovirus. Ma la proprietaria ha respinto l’ipotesi che il suo cane avesse il parvovirus, un’infezione virale canina che può attaccare mortalmente l’intestino. “Nova è stata controllata dal mio veterinario due giorni prima di andare al canile e completamente vaccinata”, ha detto, ammettendo che il suo cane soffriva di colite, ma era stata curata e giudicata idonea dal veterinario a entrare in un rifugio. Gli utenti dei social network non hanno avuto dubbi, schierandosi con la signora Kinch.

Owner of P&E kennels is Paddy Cullen, also running a 'rescue' under the name Second Chance Pets. P&E kennels have…

Pubblicato da Kirsten Kinch su Martedì 23 aprile 2019

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI