Home News Cane salvato dalle acque dell’Adige: era spaventato e senza via di fuga...

Cane salvato dalle acque dell’Adige: era spaventato e senza via di fuga – FOTO

CONDIVIDI
cane salvato
Il cane salvato dalle acque dell’Adige

In Veneto, cane salvato dalle acque impetuose del fiume Adige. Si trovava in trappola su di un isolotto di sabbia, sconosciuti i motivi.

Un cane è stato salvato dopo essere finito nel fiume Adige. L’animale ha poi trovato scampo su di un isolotto di sabbia in mezzo alle acque, nei pressi di Boschetto, in provincia di Verona. Ma lì non avrebbe potuto resistere per lungo tempo. Fortunatamente delle persone si sono accorte della sua presenza e hanno fatto in modo che venisse salvato. Il cane salvato è un meticcio di Golden Retriever dal pelo bianco, che è parso anche assai spaventato dalla vicissitudine vissuta. È stato visto abbaiare nervosamente, con tanta paura in corpo per via delle acque impetuose dell’Adige che gli scorrevano a pochissimi metri di distanza. Sono sconosciuti i motivi per i quali il quattrozampe sia finito lì, quel che conta però è che alla fine se la sia cavata. Con tutta probabilità potrebbe essere stato anche trascinato da una zona di altura. E per fortuna poi la sua corsa si è arrestata lì, più a valle. Alcune persone che si trovavano a passare in zona hanno udito i suoi versi e hanno avvisato i vigili del fuoco, una volta constatata la situazione di difficoltà dell’animale.

Cane salvato, a Taiwan un quattrozampe recuperato dal catrame

Il cane salvato è stato ben presto recuperato ed affidato al canile ‘Della Bassona’ situato a Binelunghe. Al momento non si sa niente su questo animaletto, né se sia provvisto di microchip come richiederebbe la legge, e quindi se sia un cane di proprietà. Purtroppo i casi in cui dei cani – e gli animali in genere – finiscono in pericolo per i più disparati motivi sono quasi all’ordine del giorno. Ed a volte le conseguenze appaiono davvero orribili. È esattamente il sentimento suscitato da un povero quattrozampe finito con l’essere completamente ricoperto di catrame. La vicenda si è verificata nell’isola di Taiwan, l’isola-stato che si staglia nell’Oceano Pacifico tra Cina e Filippine. Si tratta di un cane randagio, che chissà come è riuscito a sopravvivere da questa sua orribile condizione. Per idratarlo è stato necessario immettergli dell’acqua nell’organismo attraverso una siringa.

A.P.