Home News Roma, cane segregato in terrazzo tra gli escrementi

Roma, cane segregato in terrazzo tra gli escrementi

CONDIVIDI
@Facebook/Tammy Graves
@Facebook/Tammy Graves

Un cane di due anni di età è stato ritrovato in condizioni pietose a Roma dalle guardie zoofile di EARTH. Il povero animale era costretto a vivere tra i propri escrementi e numerosi altri rifiuti, costretto ad essere confinato nello strettissimo spazio di un balcone dalle esigue dimensioni.

Inoltre mancavano un benché minimo riparto contro il freddo e le intemperie e dell’acqua con la quale poter dissetarsi. Della presenza del cane e dello stato misero di totale abbandono in cui versava si sono accorte per caso le stesse guardie zoofile di Earth, giunte nei pressi per verificare una situazione diversa in seguito ad una segnalazione.

Ma da un appartamento attiguo i volontari dell’associazione animalista si sono accorti della presenza del cane e sono riusciti ad entrare, traendolo in salvo. Il cane è apparso visibilmente sofferente ed è stato posto immediatamente in stato di sequestro. Adesso si trova in un canile sanitario dove trascorrerà 60 giorni, in seguito ai quali, secondo il protocollo, potrà essere posto in stato di adozione.

Valentina Coppola, presidente di EARTH, ha dichiarato riguardo questo incredibile accaduto: “Tutto ciò è inaccettabile. La situazione in cui questo povero cane è stato costretto a vivere per mesi ha dell’incredibile, la gente deve capire una volta per tutte che ospitare un animale in casa propria non è come avere a che fare con un giocattolo.

Ci sono dei determinati diritti e doveri ai quali dover assolvere, come educazione, cure, tempo da dedicargli, socializzazione e spazio e cibo adeguati da offrire ad un quattrozampe. Anche gli animali hanno il diritto a vivere in maniera dignitosa e devono avere rispetto ed una vita serena.

Contro l’abbandono di animali è stata organizzata una bellissima iniziativa a tema natalizio a Spoleto. Ma quando si parla di questo argomento non bisogna pensare solamente a cani o gatti…anche le specie più impensabili di animali qui in Italia vengono messe a dura prova in pieno ambiente urbano a volte.