Home News Il cane Oxford ha aiutato il suo padrone con la sclerosi multipla...

Il cane Oxford ha aiutato il suo padrone con la sclerosi multipla in molti modi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59
CONDIVIDI

Finire su una sedia a rotelle è devastante fisicamente ed emotivamente: i cani possono aiutare i disabili a riprendere la loro vita e a farsi nuovi amici.

cani e disabili
Majid-Sohrabi-e il suo cane [email protected] Patners

Nel 2010, Majid Sohrabi stava lavorando come infermiere a Glasgow e scrivendo la sua tesi di laurea quando ha iniziato a provare una strana sensazione, come se avesse dei cuscini sotto i talloni, che in pochi giorni si è trasformata in un dolore insopportabile. Stava pranzando con la sua ragazza quando si è reso conto che non poteva alzarsi da solo. Più tardi quell’anno gli è stata diagnosticata la sclerosi multipla.

Fisicamente, la malattia lo ha reso non coordinato e instabile. Ha dovuto arrendersi all’uso di una sedia a rotelle. Per lui, sembrava la fine. Gli piaceva andare in bicicletta da Glasgow a Loch Lomond e correre. Non poteva sopportare di guardare fuori dalla finestra le persone che continuavano ad avere una vita normale. Si era lasciato con la fidanzata e la sua famiglia era tutta a Teheran.

Majid si è anche dovuto trasferirsi dalla città per trovare un bungalow. Non conosceva nessuno nella nuova città e passava il tempo da solo dietro il computer a guardare film. Il suo fisioterapista gli ha suggerito allora di procurarsi un cane attraverso l’ente benefico Canine Partners.

Cani e disabili: Oxford ha salvato il suo padrone con la sclerosi multipla

Nomi di cani neri
Cane (Foto Pixabay)

La prima volta che ha visto Oxford era un cucciolo. “Ha bisogno di qualcuno che si prenda cura di lui; come può aiutarmi?” aveva pensato ”Ma in pochi mesi mi aveva cambiato la vita. Non posso più chinarmi e quando faccio cadere le cose le raccoglie. Mi aiuta a vestirmi. Se glielo chiedo, alza il telefono fisso. Si alza in piedi e mette le zampe attorno al microtelefono e poi lo afferra con le mascelle, molto delicatamente”.

Oxford è stato la chiave per riconnettermi al mondo. Mi ha fatto uscire di casa per portarlo a fare una passeggiata. Ho iniziato a giocare a basket su sedia a rotelle. Quando andavo a fare shopping mi sentivo come questa strana cosa che tutti stavano fissando nel mezzo del centro commerciale. Pensavo a me stesso come non parte della società. Ma con lui accanto a me, sempre più persone mi salutano o si avvicinano a me e chiedono di lui”.

Majid non riesce a credere quanto fosse pessimista prima di averle Oxford. È il suo migliore amico e sono diventati una grande squadra, ha raccontato l’uomo al The Guardian.

Potrebbero interessarti anche >>>

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI