Home News Cani salvati da allevamento lager, terrorizzati dalle persone: si confortano a vicenda

Cani salvati da allevamento lager, terrorizzati dalle persone: si confortano a vicenda

CONDIVIDI
cani abusi
Cani salvati da allevamento lager

Cani salvati da canile lager. Terrorizzati, si confortano a vicenda

Luke e Sherman sono due esemplari salvati da un allevamento lager. Due cani sfruttati per la riproduzione intensiva che non avevano mai visto la luce del giorno, né tanto meno sapevano cosa significasse il contatto con le persone.

I due esemplari sono stati recuperati da un’associazione animalista, la National Mill Dog Rescue che opera nel Colorado, Stati Uniti. I cagnolini erano impauriti e sono stati trasferiti presso il rifugio dell’associazione per iniziare un percorso di riabilitazione.

Secondo quanto hanno reso noto i volontari, Luke e Sherman devo riprendere fiducia nell’uomo. Per questo ogni giorno i volontari cercano di conquistare la loro fiducia per aiutarli a superare i loro traumi.

Quello che ha decisamente commosso è il legame che si è creato tra i due cani. Nel rifugio sono diventati inseparabili e non si allontanano mai l’uno dall’altro. Mangiano e riposano insieme, come se si confortassero e incoraggiassero a vicenda.

Nel filmato condiviso dall’associazione possiamo notare quanto questi due cani siano spaventati. Tremano alla vista delle persone e restano vicini per paura.

Allevamenti lager

Come ha ricordato l’associazione, i cani recuperati dagli allevamenti intensivi hanno dei traumi che persistono per molto tempo. In alcuni casi, il trauma resta per tutta la vita. In questo tipo di allevamenti, i cani sono considerati una merce e sono trattati come degli oggetti. Allevati in pessime condizione igenico sanitarie, privati dagli affetti e dalla socializzazione.

L’associazione spera di far adottare Luke e Sherman insieme, considerando il forte legame che li unisce. Separarli significherebbe far vivere loro un altro trauma ai quali i volontari non vogliono sottomettere i due cani.

Intanto, questi due esemplari devono affrontare un lungo periodo di riabilitazione con il quale devono imparare ad interagire con le persone.

Solo quando sarà arrivato il momento potranno finalmente trovare una casa accogliente dove essere circondati dagli affetti.

Cani con forti traumi hanno bisogno di molta pazienza e soprattutto di un ambiente sereno dove recuperare la fiducia.

Possiamo solo immaginare cosa significa per queste creature innocenti vivere mortificati per anni, dietro le sbarre di una gabbia, senza mai ricevere una carezza o fare una passeggiata all’esterno. Per loro, qualsiasi rumore nuovo è un pericolo che devono imparare ad affrontare e a non temere.

C.D.