Home News Carabinieri sequestrano tre cani tenuti in pessime condizioni in ditta abusiva

Carabinieri sequestrano tre cani tenuti in pessime condizioni in ditta abusiva

CONDIVIDI

Era una vera e propria fiera dell’illegalità quella alla quale hanno assistito i carabinieri in via Einstein, a Campi Bisenzio. Siamo a Firenze, e qui il piazzale di una ditta locale era diventato nel tempo una vera e propria area di stoccaggio abusiva nella quale trovavano destinazione anche dei rifiuti pericolosi, trattati alla bell’e meglio dal personale, assunto tra l’altro in nero. Chi di dovere si era avvalso anche dell’utilizzo di tre cani, tenuti in condizioni igienico-sanitarie decisamente pessime.

Le forze dell’ordine hanno potuto riscontrare il cattivissimo stato di salute dei poveri animali, apparsi denutriti e stremati. I titolari della ditta sono un cittadino turco di 55 anni e la moglie marocchina di 30, che hanno ricevuto svariate denunce, tra le quali anche quella di maltrattamento di animali. Tra i primi provvedimenti ai quali i due dovranno sottostare c’è anche un ammontare complessivo di 12mila euro di multe, oltre ad aver subito l’immediato sequestro della loro attività. I cani nel frattempo sono stati loro tolti ed affidati alle cure del personale sanitario della ASL del posto, per essere sottoposti alle visite del caso.

Il tutto è accaduto ieri mattina in seguito a varie segnalazioni che i carabinieri della compagnia di Signa hanno ricevuto nelle scorse settimane. I militari dell’Arma hanno agito coadiuvati dal Nucleo Ispettorato del Lavoro e dai Carabinieri Forestali di Ceppeto. Per quanto riguarda gli animali, tutti e tre erano tenuti in un un recinto delimitato da ferraglia arrugginita, in stato di totale abbandono. Tutt’attorno c’erano rifiuti pericolosi, tra i quali batterie di automobili inutilizzabili.

E’ saltata fuori anche una vettura rubata, e questo ha dato adito ai carabinieri di denunciare i titolari anche per ricettazione. Adesso le forze dell’ordine stanno portando avanti una indagine accurata per comprendere di quale portata fosse il giro di affari implicato nella faccenda. E sempre i carabinieri hanno sventato il peggio in una situazione decisamente insolita qualche giorno fa.