Home News Catania, cani legati a catena cortissima: denunciato il proprietario

Catania, cani legati a catena cortissima: denunciato il proprietario

CONDIVIDI
Cane legato ©Getty
Cane legato ©Getty

Due giorni fa si è verificato l’ennesimo salvataggio da parte dell’ENPA, che già negli scorsi mesi ha provveduto a rendere migliore la situazione di tanti cani, gatti ed altri animali precedentemente costretti ad una vita di stenti. L’episodio in questione è avvenuto in Sicilia, a Giarre, località in provincia di Catania.

La locale sezione dell’Ente Nazionale Protezione Animali grazie ai suoi volontari ha scoperto due cani legati ad una catena cortissima. Gli animali erano detenuti all’interno di un fabbricato abbandonato. Subito sono stati allertati gli agenti della locale Polizia Municipale oltre che dei Carabinieri. La catena che teneva fermi i due quattrozampe era lunga 50 cm e non consentiva loro la mobilità necessaria. Inoltre era arrugginita e poteva risultare molto pericolosa per loro.

I due cani poi non potevano neanche girarsi su se stessi. Gli animali non erano legati insieme: uno si trovava all’esterno della struttura, senza alcun riparo contro il maltempo, mentre l’altro era rinchiuso all’interno, e manco a dirlo, entrambi erano privi sia di cibo che di acqua, per la qual cosa sono stati ritrovati in condizione di malnutrimento avanzato.

Ai due cani è stato dato subito il necessario soccorso, mentre nel frattempo veniva rintracciato il proprietario, che inizialmente si era spacciato per il custode del fabbricato. Per lui è stata emessa immediatamente una denuncia per maltrattamento ed abbandono di animali; adesso rischia il carcere oltre al dover pagare una multa salatissima.

Un episodio molto simile si è verificato sempre qualche giorno fa a Portogruaro, ma ci si chiede come sia possibile che le persone arrivino a comportarsi in questo modo nei confronti di animali indifesi senza che si rendano conto del male che arrecano. E’ anche per questo motivo che ENPA ed altre associazioni animaliste chiedono un inasprimento delle pene previste per chi si macchia di comportamenti simili contro dei poveri animali.