Home News Cattura e uccide una rana gigante: ondata di polemiche in rete

Cattura e uccide una rana gigante: ondata di polemiche in rete

CONDIVIDI

Che piacere c’è? Quello di uccidere, mostrare come un trofeo una preda, misurandone le dimensioni e scattare una fotografia ricordo con un bel sorriso smagliante e tanto di fucile in mano. Basta scorrere sulla pagina facebook della South Texas Hunting Assoc., associazione dei cacciatori del Texas, per accorgersi di quanto possa essere barbaro l’uomo: un post dietro l’altro, con immagini terrificanti di animali selvatici di ogni tipo, uccisi, le cui carcasse vengono mostrate con orgoglio e con appresso commenti di utenti che si complimentano “congratulation”.

Congratulazioni. No, non possono sussistere “congratulazioni” quando si tratta di dare la morte ad esseri viventi. Eppure, c’è chi ritiene la caccia come uno sport e non ci sono regole se non quelle di catturare la preda più grossa e più rara. In questo scenario, ha sollevato un’ondata di polemiche la cattura e l’uccisione di una rarissima rana gigante, immortalata con una fotografia, condivisa poi sui social, con tanto di descrizione del peso.

L’autore del gesto è Marcuz Rangel che ha mostrato con orgoglio la rana di circa 6 chili, catturata a Batesville, Texas. Secondo le indiscrezioni, l’esemplare sarebbe stato ucciso con un colpo di fucile.

Un porta voce del Texas Parks & Wildlife Department, Steve Lightfoot, pur confermando l’esistenza di rane di certe dimensioni, ha sottolineato che lo scatto fotografico è stato preso con un’angolazione tale da far apparire l’esemplare ancor più gigante.

L’immagine ovviamente ha provocato un’ondata di reazioni e commenti, tra chi si sorprende per le dimensioni irreali della rana, commentato “questo è un mostro non una rana” e chi invece critica aspramente il fatto di aver ucciso un essere vivente così bello. Tuttavia, stando a quanto sottolinea il quotidiano TheSun la rana più grande della Terra apparterebbe alla specie rana Golia, un rana che arriva ad una quarantina di centimetri di lunghezza, che vive in Africa, nell’area Equatoriale tra il Camerun e la Guinea, arrivando a pesare fino a 3,5 chili.

Che sia un’illusione ottica oppure no, le dimensioni dell’esemplare sono comunque notevoli e ci riportano al noto film horror del 1972, “Frogs” diretto dal regista George McCowan, facendosi pensare che forse forse, non era poi così lontano dalla realtà.

WOW! Man catches ‘monster’ frog in Texas https://t.co/mEJPuFxtY1 (Photo courtesy: South Texas Hunting Assoc. / Facebook) pic.twitter.com/G2gzs7eYiS