Home News Contro l’abbandono di animali dei calciatori bambini girano un video

Contro l’abbandono di animali dei calciatori bambini girano un video

CONDIVIDI

I piccoli calciatori bambini della chiesa Sant’Antonio riuniti in un video per sensibilizzare le persone a non abbandonare i propri animali domestici in estate.

Piccolo sportivo

Non c’è mai una buona scusa, o una buona giustificazione per abbandonare una creatura, che ama il proprio amico umano in modo incondizionato.

Durante la stagione estiva, molte persone dimenticano tutto l’amore che hanno ricevuto dai loro cuccioli, e li abbandonano per una settimana di vacanza.

Ecco perché un gruppo di bambini della chiesa di Sant’Antonio di  Castellammare, si è riunito per girare un video e per coinvolgere le persone, nel non abbandonare i propri animali domestici.

I bambini fanno parte di un gruppo molto attivo nelle attività sociali, alcuni mesi fa, gli stessi bambini, hanno  infatti girato un video per sensibilizzare le persone ad accogliere gli immigrati.

potrebbe interessarti anche—>Treviso, vigili e due immigrati salvano cane dall;annegamento

Cane Abbandonato

Nei mesi estivi il numero di abbandoni di animali domestici sale a livelli eclatanti.

Nonostante esista l’ Art.727 del codice penale “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze“. Molte persone in vista della tanto ambite ferie abbandonano gli amici di una vita.

Nel video girato si evince una frase che i bambini ripetono a gran voce: “Non abbandonare gli animali, loro non lo farebbero mai”.

Secondo quanto riportato dal Mattino, il sacerdote della chiesa di Sant’Antonio Don Catello Malafronte, avrebbe elogiato  e appoggiato l’iniziativa dei bambini asserendo :”L’Amore verso l’altro, che sia animale o umano è fondamentale in un mondo sempre più disumanizzato e privo di valori e principi, noi ci proviamo ogni giorno con i nostri piccoli e grandi”.

L’ oratorio della chiesa è infatti frequentatissimo. Non è solo un luogo di preghiera, ma un luogo di ritrovo dove vengono svolte le più svariate attività, e dove si riuniscono bambini, adolescenti, e adulti di tutto il territorio.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>Cane entra in Chiesa e gioca con il parroco: una scena definita;divina

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI