Home News Crudeltà animali, uccidevano e mangiavano animali protetti per canale youtube

Crudeltà animali, uccidevano e mangiavano animali protetti per canale youtube

CONDIVIDI
crudeltà animali
Screenshot dei due youtuber

Nei giorni scorsi, vi abbiamo parlato dei due youtuber cambogiani che hanno messo in piedi una moda davvero allarmante.

Phoun Raty riprendeva la moglie Ah Lin Tuch impegnata a catturare animali selvatici, che poi cucinava.

I due avevano lanciato il canale “Natural Life Tv” in cui postavano i video delle loro “imprese”. Si trattava di veri e propri tutorial che mostravano quegli orrendi massacri. Veniva indicato dagli youtuber come procurarsi e mangiare qualunque tipo di animale, anche quelli protetti. I due inoltre avevano violato anche di divieti di caccia.

Il canale Youtube ha totalizzato quasi 4 milioni di visualizzazioni e ha una community di oltre 30mila iscritti, prima di essere segnalato al ministero dell’Ambiente cambogiano, che è intervenuto per rintracciare i due youtuber.

I video sono poi stati rimossi dalla Rete, ma altre clip restano ancora online. In particolare, molto sdegno ha destato un tutorial su come cucinare un gatto. I due coniugi sono quindi stati posti in stato di fermo e hanno dovuto chiarire tutto. Inoltre, gli youtuber hanno chiesto “scusa” pubblicamente, con tanto di video in cui appaiono a mani congiunte, a favore di decine di fotografi e telecamere.

Crudeltà sugli animali

Nel video di scuse pubbliche, hanno sostenuto di aver acquistato gli animali già morti in alcuni mercati cambogiani. Si sono anche giustificati, spiegando di non sapere che si trattasse di razze protette, infine hanno chiarito che la loro idea era quella di confezionare video tutorial ad effetto.

Nello specifico, Ah Lin Tuchha detto di non sapere nemmeno “che tipo di animali o uccelli abbiamo usato, o se fossero o meno soggetti alle leggi per la conservazione della fauna selvatica. Ma ora ho ammesso il mio errore”.

Le scuse pubbliche non sono comunque state sufficienti: Chea Sam Arng, capo della direzione generale del ministero dell’Ambiente per la conservazione e la protezione della natura ha dichiarato la volontà di “intraprendere azioni legali nei loro confronti”.

In ogni caso, nonostante il ‘pentimento’, i due coniugi hanno spiegato di essere intenzionati a portare avanti la loro attività di youtuber.

Leggi anche –> Youtuber massacra e mangia animali vivi: una moda allarmante