Home News Decreto Io resto a casa: quando posso portare il coniglio dal veterinario

Decreto Io resto a casa: quando posso portare il coniglio dal veterinario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57
CONDIVIDI

Il decreto Conte Io resto a casa ha posto delle limitazioni sul portare il coniglio dal veterinario: vediamo quando è ancora possibile farlo.

decreto portare coniglio veterinario
Le limitazioni del decreto Conte Io resto a casa nel portare il coniglio dal veterinario (foto Istock)

L’emergenza in Italia dovuta all’infezione da coronavirus Covid 19 ha portato a dei cambiamenti nelle abitudini quotidiane dei cittadini. I bar sono chiusi, può andare a fare la spesa solo un componente per famiglia e anche fare una passeggiata è diventato ormai impossibile se non per chi ha particolari problemi di salute come il diabete.

Anche chi ha animali domestici ha avuto una ripercussione delle proprie abitudini: ad esempio chi ha un cane ha visto un cambiamento nelle modalità di uscita con il proprio amico a quattro zampe, come vi spieghiamo nell’articolo Decreto Io resto a casa: dove posso portare il cane a spasso.

Decreto Io resto a casa: quando posso portare il coniglio dal veterinario

decreto conte io resto a casa portare coniglio veterinario
Quando posso portare il coniglio dal veterinario secondo decreto Conte Io resto a casa (foto Istock)

Come noi umani anche i nostri animali, che non sono portatori di coronavirus, possono continuare ad ammalarsi di altre malattie e possono quindi avere bisogno del veterinario. Se le visite di routine, le vaccinazioni e gli interventi chirurgici non urgenti sono momentaneamente sospesi come annunciato della Federazione Nazionale dei Veterinari, si può ricorrere al veterinario qualora un animale domestico come il coniglio stesse male. 

I veterinari consigliano di telefonare loro o di effettuare una video chiamata per spiegare esattamente quali sintomi ha il coniglio: se dovesse diagnosticare un problema minore, egli prescriverà quali farmaci eventualmente usare o quale comportamento adottare e non ci sarà bisogno di una successiva visita in presenza.

Sarà il nostro veterinario, sempre per via telefonica o tramite app che consentono le videochiamate, a indicarci se in base ai sintomi del coniglio il caso richiede una visita in presenza. Se quindi bisogna portare il coniglio dal veterinario, bisogna munirsi dell’autocertificazione, che potete trovare, insieme alle spiegazioni su come compilarla, al seguente link Zona Rossa: MODULO e regole per spostarsi per motivi legati agli animali.

Una volta dal veterinario, ricorda di indossare la mascherina e mantenere un metro di distanza da lui, da eventuali assistenti o altri pazienti.

Potrebbero interessarti anche:

Teresa Franco