Home News La deforestazione cambia la comunicazione degli animali

La deforestazione cambia la comunicazione degli animali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:36
CONDIVIDI

La deforestazione sta cambiando il modo di comunicazione degli animali nello specifico, della scimmia urlatrice 

deforestazione animali
Scimmia urlatrice @IStockphoto

Uno studio allarmante, che sarà pubblicato sulla rivista Behavior a primavera del 2020, è stato condotto da un team di antropologi dell’Università di Waterloo, guidati da Laura Bolt, professore associato in Antropologia.

La ricerca ha preso in esame il sistema di comunicazione della scimmia urlatrice, l’alouatta che vive nelle foreste pluviali del Sud America. Secondo i ricercatori, la comunicazione di questa specie sta cambiando a causa dell’attività umana. Ovvero, gli antropologi hanno dimostrato come il linguaggio del primate sia diverso tra gruppi che vivono all’interno della foresta pluviale e le famiglie di primati che popolano i margini, colpiti dalla deforestazione e dalle attività umane.

Tra il 2017 e il 2018, gli antropologi hanno studiato i gruppi di scimmia urlatrice che vivono in Costa Rica.

L’alouatta ha una comunicazione molto particolare. “Le scimmie urlatrici sono famose per le loro rumorose vocalizzazione chiamate ululati”, ha ricordato la Bolt, spiegando che  “gli ululati sono prodotti solo da maschi adulti. La funzione dell’ululato non è del tutto nota, per questo abbiamo condotto il nostro studio per testare l’ipotesi che l’intensità dell’ululato delle scimmie si riferisca alla difesa delle risorse come aree di vegetazione più ricche o alberi preferiti per alimentarsi”.

Tuttavia, i ricercatori hanno registrato che l’intensità e la lunghezza dell’ululato è diverso tra i gruppi di scimmie urlatrici che vivono nella foresta pluviale rispetto a quelli che vivono ai suoi margini. Secondo lo studio, i cambiamenti dell’habitat apportati dall’uomo, soprattutto con la deforestazione, hanno influenzato la comunicazione della specie. Ma non solo. Le scimmie urlatrici che vivono ai margini della foresta non temano la presenza umana.

Impatto della deforestazione

Deforestazione @Istockphoto

“Le scimmie urlatrici mangiano foglie e frutti e ululano per difendere queste risorse. Abbiamo notato che i maschi ululano per periodi di tempo più lunghi all’interno di una foresta o vicino al fiume, dove la vegetazione è più ricca rispetto ai maschi che vivono nelle aree esterne vicino a zone in cui sono intervenuti gli umani”, ha affermato la Bolt.

Aree colpite dalla deforestazione per fare spazio alle piantagioni di cocco o per il pascolo del bestiame. Per i ricercatori si tratta di un problema serio per le politiche di conservazione della specie.

“Sebbene non sia ancora noto quali implicazioni hanno questi cambiamenti comportamentali in diverse zone marginali, i nostri risultati mostrano come la vicinanza ai margine della foresta, sta cambiando il modo di comunicazione delle scimmie urlatrici. Questo è solo una delle tante conseguenze della deforestazione sulle scimmie urlatrici”, ha concluso la Bolt.

Si rivelano necessarie iniziative di conservazione della specie a lungo termine che dovrebbero privilegiare la preservazione delle aree interne della foresta e del fiume e la riforestazione dei bordi delle foreste.

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI