Home News Deluso dalla separazione, si fa mordere da un mamba nero e filma...

Deluso dalla separazione, si fa mordere da un mamba nero e filma il suo suicidio in diretta

CONDIVIDI

Una passione in comune, un amore forte coronato da un matrimonio e infine la separazione, la delusione e il dramma. Un giovane uomo di 31 anni Arslan Valeev, di San Pietroburgo, in Russia si è suicidato in una diretta streaming, lasciandosi mordere dal suo serpente, un mamba nero,  uno dei rettili più velenosi e pericolosi del mondo. Una specie che arriva a 4 metri di lunghezza, diffusa in Africa.

Valeev non è riuscito a superare la separazione dalla moglie Katya con la quale gestiva i canali  YouTube BobCat TV sui felini ed Exotarium sui serpenti e avevano centinaia di migliaia di utenti.

Valeev e Katya erano una coppia nota in rete e avevano anche condiviso le fotografie del loro matrimonio. Il giorno prima del suicidio, Valeev aveva annunciato ai suoi seguaci di far sapere a Katya di connettersi il giorno dopo per vedere la sua diretta.

Durante lo streaming, Valeev, ex dipendente dello zoo, si è fatto mordere dal serpente velenoso, mostrando al mondo intero la ferita. Scusandosi per il suo comportamento, ha raccontato di non farcela più e che dal mese di luglio non aveva più rapporti intimi con la moglie. Il giovane uomo ha poi iniziato a vaneggiare, parlando della sua relazione e che si aspettava un messaggio di Katya e che solo lei avrebbe potuto salvarlo. Nell’arco del video, le condizioni di Valeev sono peggiorate sotto agli occhi di tutti fino al momento in cui il giovane ormai in fin di vita non si è alzato, scomparendo dal video e morendo poco dopo.

Un video inquietante che ricorda gli snuf movie con scene di sesso estreme che culminano con la morte. Nel filmato, Valeev ha chiesto agli utenti di dire a Katya che l’amava molto. Tra le ultime parole, il giovane uomo ha dichiarato che sarebbe stato felice di rivedere Katya.

Una vicenda drammatica che la giovane donna, colpita dal dolore della perdita, non ha voluto commentare.

C.D.