Home News Difende la padroncina di 10 anni da un uomo che voleva abusare...

Difende la padroncina di 10 anni da un uomo che voleva abusare di lei

CONDIVIDI

Era a passeggio con il suo cane in un parco pubblico a Woodbridge negli Stati Uniti. Una bambina di appena dieci anni che, in un caldo pomeriggio estivo, portava fuori il suo compagno a 4zampe. La bambina è stata avvicinata da un uomo con il preciso intento di rapirla probabilmente per abusare di lei. La ragazzina sarebbe stata afferrata dal braccio e inizialmente trascinata. Fortunatamente, in base alla ricostruzione fornita dalle forze dell’ordine, il cane avrebbe intuito le intenzioni dell’uomo ed è riuscito a difendere la sua padroncina. Il fedele compagno a 4zampe ha morso l’uomo al braccio e a una gamba, mentendolo in fuga.
Come sottolinea in un post pubblicato sulla pagina facebook del dipartimento della polizia di William Count,, il cane ha salvato la giovane ragazza. Le forze dell’ordine sono ora alla ricerca di un uomo di origine ispanica di circa una cinquantina di anni. E’ stata fornita una descrizione dettagliata dell’altezza, colore dei capelli e modo in cui era vestito quando è stato avvistato per l’ultima volta, chiedendo a chiunque collaborazione per possibili informazioni utili ad individuare l’aggressore.
Lo straordinario comportamento del cane che ha difeso la bambina conferma le conclusioni di uno studio condotto nel 2016. E’ stato infatti dimostrato che il cane percepisce le emozioni e le intenzioni delle persone nei riguardi dei loro padroni. Pare che sia sufficiente anche una minima e impercettibile variazione di comportamento tanto da provocare una reazione del cane.

Fedeltà dei cani

Storie di fedeltà  che ci portano a riflettere sul legame prezioso che si può creare nella relazione uomo-animale. Creature disposte a sacrificarsi per salvare la vita alla persona al quale stanno affianco. Molti casi di cronaca hanno dimostrato l’utilità dei cani per il salvataggio e la difesa. In questa vicenda tuttavia, si può notare che un semplice esemplare non addestrato riesce per istinto a capire ed individuare un pericolo. Un intuito che scaturisce da altri canali comunicativi per cui l’animale arriva a percepire determinati comportamenti attraverso canali sensoriali e frequenze. Un linguaggio che da sempre ha affascinato la scienza e i ricercatori che continuano a condurre degli studi su queste facoltà.