Home News Contrae infezione dalla saliva del cane: donna con arti amputati

Contrae infezione dalla saliva del cane: donna con arti amputati

Contrae infezione dalla saliva del cane  pericoli saliva cane

Si è risvegliata dal coma con le braccia amputate dopo aver contratto una brutta infezione dal suo cane.

La donna, Marie Trainer, è stata male per circa dieci giorni, pensando di avere l’influenza per poi sprofondare in coma. In realtà, si trattava di un’infezione, provocata dai batteri Capnocytophaga che le erano stati trasmessi dai suoi cani.

Secondo quanto ipotizzato dai medici, come emerso dagli esami del sangue, i batteri che hanno provocato l’infezione sarebbero stati trasmessi dal cane che aveva leccato alcuni graffi sul braccio della padrona.

A distanza di giorni, la donna è entrata in coma, risvegliandosi in ospedale con parte degli arti amputati.

“Quando ho aperto gli occhi non sapevo dove fossi. È stato molto difficile scoprire che non avevo le mie gambe e le mie braccia … E’ molto difficile da affrontare”, ha dichiarato Marie a FoxNews8.

I batteri avevano provocato una cancrena. I medici hanno cercato di salvarla in tutti i modi possibili, intervenendo chirurgicamente per rimuovere i coaguli che si erano formati sulle braccia e le gambe.

Nel 30% dei casi, l’infezione da Capnocytophaga è fatale, anche se la maggior parte delle persone non sarebbe a rischio. Solo le persone con un sistema immunitario compromesso, come gli anziani.

 

Batteri Capnocytophaga

Fortunatamente, le infezioni da Capnocytophaga sono rare anche se si tratta di batteri comuni nei cani e nei gatti sani. Ben il 74% dei cani sarebbe portato del batterio.

Il dott. Thomas Butler, specialista in malattie infettive, ha spiegato che “i batteri Capnocytophaga possono diffondersi quando la saliva dell’animale viene a contatto con una ferita aperta oppure con organi come occhi, naso o bocca”.

I sintomi sono simili a molte altre infezioni come febbre, disorientamento, vomito, dolori muscolari e articolari che possono verificarsi dopo aver contratto il batterio in un lasso temporale tra 1 giorno a 14 giorni. L’infezione può degenerare in sepsi, rivelandosi potenzialmente letale.

Il peggioramento comporta febbre alta, brividi, forte dolore, mancanza di respiro, frequenza cardiaca alta, vertigini e sudorazione.

L’infezione può anche causare necrosi e cancrena, provocando la morte dei tessuti per cui sarà necessaria l’amputazione.

Negli Stati Uniti, solo 54 persone hanno contratto il batterio Capnocytophaga in 30 anni, dal 1972 al 2004. In tutto il mondo, dal 1976 al 2011, sarebbero registrati solo circa 200 casi.

Leggi–>

Quali malattie possiamo contrarre dall’urina del nostro cane?

La saliva di cani e gatti può causare infezioni mortali nell’uomo

Elenco completo delle malattie dei cani più letali

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI