Home News Pandemia, Edoardo Stoppa: “Causata da quello che facciamo agli animali”

Pandemia, Edoardo Stoppa: “Causata da quello che facciamo agli animali”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12
CONDIVIDI

Edoardo Stoppa, noto come inviato di Striscia, sta con gli scienziati e spiega come la pandemia da coronavirus è causata dagli abusi sugli animali.

pandemia edoardo stoppa animali
Stoppa con gli scienziati: “Vi spiego come la pandemia è causata dagli abusi sugli animali”

Edoardo Stoppa è conosciuto per il suo lavoro come inviato nel TG satirico di Mediaset Striscia la Notizia. Stoppa si è occupato per anni del mondo degli animali con servizi in loro difesa, come ad esempio in caso di animali detenuti illegalmente o senza rispetto delle norme igienico-sanitarie, di randagismo, di trasporti e macellazioni abusive e tanti altri casi in cui l’uomo non ha mostrato rispetto verso gli animali.

Pandemia, Edoardo Stoppa: “Causata da quello che facciamo agli animali, lo dice Jane Goodall”

jane goodall pandemia animali
Jane Goodall spiega perché la pandemia è stata causata da ciò che abbiamo fatto e facciamo agli animali (Foto Pinterest)

L’inviato ha così condiviso il messaggio della primatologa Jane Goodall che proprio nel trattamento irrispettoso degli animali ha trovato la causa della pandemia del virus Sars cov- 2. Il covid-19 è la malattia che sta mietendo migliaia di vittime in tutto il mondo.

La primatologa ha posto l’accento su diversi aspetti. Il primo di tutti riguarda l’abuso dell’essere umano sulla natura e sugli animali che ha prodotto la situazione ideale per la propagazione del virus.

L’essere umano ha abbattuto le foreste per interessi commerciali distruggendo non solo il polmone verde della terra ma anche l’habitat di diverse specie animali, causandone la riduzione e in alcuni casi l’estinzione.

Meno specie animali ci sono al mondo più è possibile che i virus riescano a propagarsi facilmente. Infatti i virus sono adatti a vivere solo in poche determinate specie animali e trovandone altre che fanno loro da barriera smettono di propagarsi.

Il secondo punto toccato da Jane Goodall è il modo in cui l’uomo tratta gli animali di suo interesse alimentare o commerciale. Gli allevamenti intensivi e i mercati all’aperto presenti in Cina, in India e in altri paesi asiatici stipano gli animali, in condizioni igieniche deprecabili, permettendo una diffusione di massa tra di essi dei virus. Per approfondire il pensiero della Goodall, sostenuto da altri scienziati, potete leggere il nostro articolo Jane Goodall tuona: “Il disprezzo per gli animali ha causato la pandemia”

Stoppa ha quindi sottolineato l’importanza di prendere coscienza della situazione e di cambiare il modo “in cui viviamo e il modo in cui trattiamo gli animali, perché siamo in un momento storico importantissimo e dobbiamo far si’ che non sia inutile.

Potrebbe interessarti anche:

Teresa Franco